Cosa non si farebbe per sfondare nel mondo della moda. Magari nulla oppure piccoli compromessi o, magari, si stravolgerebbe completamente la propria natura pur di entrare a far parte di uno degli entourage più sognati di un ambiente esclusivo come quello dell’alta moda.

Andrej Pejic, che abbiamo tutti imparato a conoscere nelle sfilate femminili per Jean Paul Gualtier durante la settimana della moda a Parigi, si è sempre messo volentieri nei panni di una donna, nel senso letterale dell’espressione. Sarà per i suoi lineamenti delicati o per l’assenza di curve o forme prorompenti proprio come per le top model, il modello australiano 19enne proprio non se la sente di rinunciare alla scalata verso il successo, costi quel che costi.

Galleria di immagini: Andrej Pejic

E così, tra una sfilata e l’altra, non solo Andrej ha dichiarato al Daily Telegraph di sentirsi molto più a proprio agio indossando abiti femminili ma anche che, se mai dovessero offrirgli un contratto da Victoria’s Secret, sarebbe disposto perfino a cambiare sesso pur di posare per il colosso della lingerie.

“Non credo ci sarebbe altro modo di entrare nel mondo di Victoria’s. Ma al momento mi piaccio così come sono.”

Nessun disagio psicologico, dunque, alle spalle della eventuale decisione perché, a quanto pare, si tratterebbe di una questione puramente logistica. Un “piccolo” sacrificio per un beneficio più grande, ovvero una carriera brillante e l’ingresso nel mondo elitario della moda internazionale.

Niente di strano, però, per il modello di origini serbo-croate che, come dicevamo prima, preferisce sfruttare la propria versatilità fisica e avvicinarsi il più possibile all’aspetto e al comportamento tipico delle donne. Soprattutto se è bello e aggraziato al punto da potersi permettere una sfilata, fra gli uomini così come fra le donne, donando valore a ogni abito che indossa.

“Non l’avevo programmato né immaginavo sarebbe accaduto tutto questo. Ma se è proprio il mio aspetto ad avermi fatto fare carriera, perché dovrei lamentarmi? Ho sempre sperimentato tagli di capelli e make up, e in passato anche in maniera più estrema rispetto a quanto faccio oggi. Cose tipo creste rosa…”