Potrebbe soffrire di Disturbo dell’Identità di Genere la bellissima figlia di Angelina Jolie e Brad Pitt: da tempo, infatti, Shiloh, di 9 anni, rifiuta di vestirsi da bambina, preferendo pantaloni e capelli corti e scegliendo di farsi chiamare con il nome di John. Già nel 2008, Brad Pitt aveva dichiarato nella trasmissione di Oprah Winfrey che Shiloh preferiva essere chiamata John: decisione che lui e la moglie hanno sempre sostenuto.

Però, se inizialmente le due star avevano accettato la scelta della bambina, permettendole l’abbigliamento e il comportamento che sentiva più consoni, sembra che ora abbiano deciso di rivolgersi a un esperto di transgender. Quello che sembrava solo un gioco infantile, infatti, potrebbe nascondere un problema molto più serio .

Secondo quanto riportato da Radar Online Angelina Jolie e Brad Pitt avrebbero consultato l’esperto per sapere come affrontare il Disturbo dell’Identità di Genere nel modo più corretto e rendere la vita più facile a Shiloh. «Vogliono che la figlia si senta amata e rassicurata», afferma una fonte vicina alla famiglia.

Galleria di immagini: Shiloh Pitt Jolie, le foto

La stessa fonte si affretta poi a sottolineare che nessuno ha ancora etichettato Shiloh come transgender: la bambina, infatti, potrebbe comportarsi ora come un maschiaccio e poi una volta adolescente potrebbe diventare una ragazza più femminile.

«Non ci sono ancora risposte concrete. Ora Brad e Angelina sono impegnati a dare Shiloh un ambiente familiare pieno d’amore».

I Brangelina sono genitori anche di due maschi (Maddox, di 14anni, e Pax, di 11) e di tre femmine (Vivienne e Knox, di 6 anni, Zahara di 9), con cui sono soliti farsi fotografare spesso insieme. Risalgono a qualche mese fa le immagini della famiglia al completo che ha raggiunto il castello di Miraval vicino Nizza (dove i due si sono sposati il 23 agosto 2014) volando da Hollywood in economica.