Angelina Jolie ha parlato ieri, per la prima volta da settembre, del suo divorzio da Brad Pitt e delle difficoltà che si incontrano nell’affrontare la fine di un matrimonio e gli effetti che questo ha sui loro sei figli.

L’attrice americana si trova al momento in Cambogia con Maddox, Pax, Shiloh, Zahara, Vivienne e Knox per promuovere il suo nuovo film e si è aperta con la stampa riguardo alla sua vita privata durante un’intervista con la BBC News. “Non voglio parlarne molto, se non per dire che è stato un periodo molto difficile e che noi siamo una famiglia, e che saremo sempre una famiglia”, ha dichiarato Angelina Jolie visibilmente commossa. “È stato difficile. Molte persone si trovano in questa situazione. L’intera mia famiglia ha passato un periodo difficile”.

“La mia priorità sono i bambini, i nostri bambini”, ha continuato Angelina Jolie. “Siamo e saremo per sempre una famiglia ed è così che sto affrontando la situazione. Sto cercando di trovare un modo per assicurarmi che questo ci possa in qualche modo rendere più forti e più vicini”.

Nel frattempo, tuttavia, prosegue la battaglia in tribunale per l’affidamento dei figli, in quanto l’attrice di Wanted vorrebbe l’affidamento esclusivo, mentre Brad Pitt sta cercando di ottenere la custodia congiunta. Angelina ha però recentemente consentito a far sì che l’ex marito possa trascorrere del tempo con i bambini senza supervisione, possibilità negata nei primi mesi dopo il divorzio.

Sabato scorso, Angelina Jolie ha fatto la sua prima apparizione pubblica da settembre, a Siem Reap, in Cambogia, per la premiere di First They Killed My Father (Prima hanno ucciso mio padre) che racconta la vita in Cambogia sotto il regime dittatoriale Khmer Rouge, il cui leader fu Pol Pot, vista tramite gli occhi di un bambino. Tutti i sei figli erano presenti con lei. Maddox, in particolare, fu adottato proprio da Angelina Jolie in un orfanotrofio cambogiano nel 2002, all’epoca in cui l’attrice si trovava nel Paese asiatico per girare il film Tom Raider. Zahara è invece stata adottata in Etiopia e Pax è originario del Vietnam. Shiloh, che la prima figlia biologica dei Jolie-Pitt, è invece nata in Namibia, mentre i due gemellini Vivienne e Knox sono nati in Francia.

Angelina Jolie, negli ultimi anni della sua carriera, ha messo da parte la carriera cinematografica per impegnarsi in un ruolo umanitario, diventando ambasciatrice di buona volontà dell’ONU e prendendo a cuore le condizioni dei rifugiati e di chi vive nelle zone più povere della Terra o in cui sono in corso delle guerre.

Alla domanda “Come ti vedi tra cinque anni?”, Angelina Jolie ha risposto: “Vorrei essere in viaggio in giro per il mondo per andare a trovare i miei figli, sperando che siano felici e che facciano cose interessanti e li immagino in molte parti diverse del mondo, mentre io li supporto”. “Tutto quello che faccio, spero di rappresentare le giuste cose per i miei figli e dar loro il giusto senso di quello che loro possono fare e di come il mondo dovrebbe essere visto. Non attraverso l’occhio di Hollywood o attraverso un tipo di stile di vita, ma portarli davvero nel mondo nel quale abbiano buon senso e diventino delle persone complete”.