Sbarcano al cinema gli Angry Birds, i protagonisti del celebre videogioco che per anni sono stati capaci di monopolizzare gli smartphone di mezzo mondo. Non per niente, da quando nel 2009 la finlandese Rovio Entertainment ha rilasciato il gioco, la app è stata scaricata oltre 3 miliardi di volte.

Gli oltre dieci capitoli che formano la saga del videogioco sono stati magistralmente condensati nei 97 minuti di film (distribuito dalla Warner Bros Pictures in 500 copie in tutta Italia) diretto da Clay Kaytis e Fergal Reilly, che si sono avvalsi, tra i tanti collaboratori, della “matita” di Francesca Natale, disegnatrice romana, che è stata l’Art Director del film. “Sono la prima donna al mondo a svolgere questo ruolo in una produzione mainstream. Non è stato facile, avevo carta bianca e un’enorme responsabilità. Era necessario dare un proprio stile al prodotto cinematografico, diverso da quello dell’app originale, ma nel contempo mantenere un legame, un riconoscimento da parte di un pubblico composto da tre miliardi di appassionati”, ha spiegato all’anteprima del film che si è svolta a Roma il 14 giugno.

Galleria di immagini: Angry Birds, le foto del film

A lei, l’onore e l’onere di dar vita per il grande schermo ai divertenti personaggi che non potranno che appassionare i più piccoli e far sorridere, più volte, i grandi che li accompagneranno. Vediamo perché.

  • La trama ricalca fondamentalmente il gioco, in cui lo scopo degli Angry Birds è quello di recuperare, grazie all’aiuto di fionde, le uova che i maiali verdi gli hanno rubato. Nel film, tutto questo diventa il cuore di una storia che i bambini riconosceranno mano a mano, divertendoli e appassionandoli. In un’isola lontana dal resto del mondo, popolata soltanto da uccelli che non sanno volare, sono tutti allegri e felici. Tutti tranne Red, un uccello con problemi di controllo della rabbia, il velocissimo Chuck, il gigantesco Terence e l’esplosivo Bomb: uccelli strambi che sono sempre stati emarginati dagli altri. L’arrivo di misteriosi maiali verdi, però, sarà l’occasione per tutti loro di far vedere al resto della comunità il loro valore.
  • I personaggi sono esilaranti, anche grazie alle voci scelte per il doppiaggio italiano, capaci di trasmettere le mille sfumature regalate anche dall’animazione. Maccio Capatonda è la voce di Red, Alessandro Cattelan è Chuck, mentre Chiara Francini è Matilda. Grazie al film, poi, i più piccoli scopriranno perché gli uccelli di Bird Island sono così tanto arrabbiati.
  • Tante le musiche, originali e non, che fanno da contrappunto alla storia, a cominciare da “Friends”, la canzone scritta appositamente per il film dalla star della musica country Blake Shelton (che nella versione originale presta la voce a Earl, il maiale cowboy). Ci sono poi la popstar Charli XCX, che presenta “Explode”, il musicista electro house Steve Aoki che ha scritto un brano per una scena rave e una versione tutta nuova di “I Will Survive” interpretata da Demi Lovato. Sarà difficile non canticchiare e muovere il piede durante le scene musicali, sia per i grandi che per i bambini.
  • Lo sforzo produttivo è stato ingente e a beneficiarne sono state, oltre alla storia, le animazioni e le ambientazioni. Sullo schermo compaiono via via 130 uccelli e migliaia di maiali, che si muovono contemporaneamente. “C’è una sequenza in cui i maiali rubano tutte le uova – è una vera e propria rapina ben orchestrata, con i maiali che corrono di qua e di là, e tutto è coreografato in modo molto complesso – da 50 a 100 personaggi sullo schermo nello stesso tempo. Il film è pieno di riprese come questa – un’impresa epica e proprio per questo divertente e stimolante“, ha dichiarato Pete Nash, supervisore dell’animazione. Il risultato? Un turbinio di colori e personaggi che sono una vera gioia per gli occhi. I bambini usciranno dal cinema felici; i genitori anche.