Anna Falchi, diventata madre da pochi mesi di Alyssa, si trova ora nella condizione di dover affrontare la separazione dal compagno Denny Montesi. I due, già sull’orlo di una crisi a pochi mesi dal parto, ci sono ricaduti ora e pare che la rottura sia insanabile.

La bella Anna è sempre stata molto sfortunata in amore, dopo storie lunghe interrotte bruscamente e un matrimonio lampo con il deludente Stefano Ricucci, sembrava avesse trovato serenità con l’imprenditore Denny Montesi. Ma la loro storia d’amore ha attraversato diverse turbolenze, fino alla decisione di chiudere definitivamente il rapporto. Come afferma lei stessa in un’intervista a Chi:

Tra me e il padre di mia figlia le cose vanno malissimo: il nostro rapporto in questo momento è interrotto. Io e lui litighiamo continuamente e su tutto. Abbiamo modi di pensare diversi e stili di vita diversi. C’è proprio incompatibilità di carattere. Entrambi abbiamo fatto degli errori però pensavamo che con la nascita della bambina tutto sarebbe andato a posto. Invece un figlio se non unisce, divide. Dopo la crisi che avevamo avuto la scorsa estate abbiamo provato a rimettere insieme i cocci, ma non è servito, tra noi c’è troppo astio, troppo rancore. Se parlo della mia crisi con Denny è perché voglio riprendere in mano la mia vita, voglio poter vedere chi mi pare e non voglio che si creino equivoci. Ma questa situazione mi fa davvero soffrire. L’unica cosa che mi consola è che la bambina è ancora troppo piccola per capire. E comunque quel che è certo è che Denny come padre c’è e ci sarà sempre, non gli impedirò mai di vedere Alyssa.

L’attrice posa con in braccio la piccola, immortalata per la prima volta su una rivista. Anna non è la prima a dover affrontare da sola la crescita e l’educazione di una figlia; questa condizione l’accomuna a moltissime madri single che con forza portano avanti la loro vita. Di sicuro, come sostiene lei stessa, si sentirà meno sola.

Ho sempre avuto un grande senso di responsabilità. Adesso l’ho affinato. Quello che invece per me è nuovissimo è questa sensazione di non solitudine: d’ora in poi ho la certezza che non sarò mai più sola. Ed è una cosa che mi riempie di gioia.

Calatasi nel ruolo di madre e casalinga, si occupa personalmente di Alyssa e della casa senza il supporto di tate e colf. Ha deciso di non allattare la piccola al seno, non solo per una scelta estetica, cioè non rovinare le sue forme, ma perché sente che l’allattamento non le appartiene.

Scelta molto criticata dall’opinione pubblica, ma voi cosa ne pensate?