Una personalità unica, rivoluzionaria; un’icona femminile del cinema italiano, una stella della celebre Hollywood Walk of Fame, la strada di Hollywood dove sono presenti i nomi delle celebrità di tutto il mondo che hanno dato il loro prezioso contributo all’industria del cinema, impressi su stelle a cinque punte. È Anna Magnani, l’attrice romana che con la sua bravura e la sua fortissima personalità ha dato un notevole valore aggiunto al cinema e al teatro italiani.

Si parlerà di lei domani a Roma, in un convegno organizzato dall'”Associazione Amici di Anna Magnani”, per non dimenticare e, soprattutto, per non far dimenticare i valori che Nannarella personificava.

Si ricorderà la sua personalità brillante, il suo carattere, la sua forza e la sua determinazione, che le hanno permesso di farsi largo senza scendere a compromessi in un ambiente dove predominavano le presenze maschili. Si parlerà di lei, dei suoi valori e del suo talento, della sua bravura e delle sue capacità, delle caratteristiche proprie di una donna esempio per le nuove generazioni.

Il convegno verrà aperto con la trasmissione dell’episodio della commedia italiana Siamo Donne, del 1953, in cui Anna Magnani interpreta il quinto episodio. L’attrice, diretta da Luchino Visconti, è alle prese con un tassista, con cui fa una furibonda litigata per via del cagnolino che porta con sé, per il quale l’autista del taxi le chiede una lira in più per il trasporto. Qui, come nelle sue numerosissime interpretazioni che l’hanno insignita di un Oscar, cinque nastri d’argento e due David di Donatello, emerge la personalità forte dell’attrice, sempre però accompagnata da quel lato tenero che c’è ma che quasi mai mostra.