E’ un po’ il volto televisivo che più incuriosisce negli ultimi mesi i giovani appassionati del piccolo schermo, è un ennesimo prodotto di Maria De Filippi, nonché una ex Miss, arrivata seconda nel concorso di bellezza più famosa di Italia nel 2005, anno in cui vinse Edelfa Chiara Masciotta. Parliamo di Anna Munafò,  27 anni, nata in provincia di Messina, a Mistretta, alta 1.78 metri, tronista si successo di Uomini e Donne dallo scorso settembre.

Diplomata come perito chimico, pur non avendo mai svolto nessuna professione nell’ambito dei suoi studi, ha suonato il pianoforte per anni ed è appassionata di tiro con l’arco.

Prima di approdare nella trasmissione di Canale 5, Anna Munafò ha anche condotto lo Zecchino d’Oro insieme a Pippo Baudo e ha recitato in Ris Delitti Imperfetti. La sua notorietà, però, è arrivata anche grazie alla sua storia d’amore con Tomaso Trussardi, futuro marito di Michelle Hunziker e già padre di suo figlio: i due sono stati insieme tra il 2005 e il 2006, la loro relazione si sarebbe interrotta per decisione di lui che l’avrebbe lasciata su due piedi, ad un passo dalle nozze, con diverse polemiche al seguito dopo la separazione. La ragazza, infatti, decise di far pubblicare dal settimanale gossipparo DiPiù una lettera dove denunciava l’ex fidanzato di averla corteggiata con l’inganno, con la scusa di farla diventare una modella.

Galleria di immagini: Anna Munafò su Instagram

Negli ultimi giorni la sua partecipazione a Uomini e Donne sta avendo sempre più seguito: la sua scelta tra i due corteggiatori, Emanuele e Marco, sta appassionando tanti italiani, la maggior parte dei quali tifa per il primo, Emanuele, che sembra avere tante affinità con la ragazza che, negli ultimi giorni aveva anche postato sul suo profilo Facebook una fotografia con lo stesso orecchino indossato dal giovane in un’altra immagine sullo stesso Social Network. Un segnale che ai fan della coppia è sembrato essere positivo, ma che probabilmente rimane un escamotage per avere un po’ della tanto desiderata visibilità.

Cosa farà da grande la nostra Anna ancora non lo sappiamo, ma una cosa è certa: dal tubo catodico la ragazza non ha nessuna intenzione di uscire.