Non va certo per il sottile Anna Tatangelo. Nella sua autobiografia “Ragazza di periferia. La mia piccola favola“, edita Hoepli, si toglie più di un sassolino dalla scarpa e fa nomi e cognomi. Dopo aver subito attacchi per ogni cosa, dalla sua storia d’amore con Gigi D’Alessio al suo make up troppo marcato, dalle sopracciglia troppo sottili al suo abbigliamento troppo eccessivo, la cantante di Sora ha deciso di mettere nero su bianco i suoi pensieri.

Parole dure soprattutto contro la collega Laura Pausini, rea di averla sbeffeggiata durante i suoi concerti modificando i testi di una sua canzone. A rivelarglielo una sua fan che le avrebbe portato come prova un CD con inciso il testo rimaneggiato, nel quale la cantante di Faenza sottolineava la maggiore avvenenza del suo compagno rispetto a Gigi D’Alessio e l’assenza di silicone nel suo corpo. Un pezzo che veniva fatto cantare anche ai fan in delirio.

Galleria di immagini: Anna Tatangelo e Laura Pausini

Un vizietto, quello dello sberleffo alla D’Alessio family che accomunerebbe anche Tiziano Ferro, che, a detta della Tatangelo si concentrerebbe però maggiormente sul suo compagno.

A far arrabbiare Anna sarebbero stati i riferimenti alla sua storia chiacchierata con un uomo più grande e al silicone che le avrebbe permesso di sfoggiare qualche taglia in più. Assoluta libertà di pensiero, ma forse prima di criticare sarebbe meglio farsi un esame di coscienza.  La stessa cantante ricorda ai meno attenti che anche Paolo Carta, il compagno della rivale, ha mollato moglie e figli pur di coronare il suo sogno d’amore con Laura.

Per non parlare di Claudio Baglioni, Eros Ramazzotti, i Pooh e Luciano Ligabue. Tutti con alle spalle matrimoni falliti e nuovi giovani amori. E allora perché questo accanimento, continua a domandarsi ormai da tempo la coppia più chiacchierata della musica italiana.

Non mancano però i riferimenti a persone amiche come Renato Zero e lo stesso Baglioni. Il primo ha già scritto una canzone per lei, al secondo non osa chiederla.  E poi il racconto della sua storia d’amore, la vittoria nella categoria giovani a Sanremo nel 2002, la forza della fede, Padre Pio, la sua difficile partecipazione a X Factor e, soprattutto, le gioie quotidiane della maternità.

Insomma non solo sofferenze e pregiudizi per la giovane cantante di Sora, che continua a chiedersi:

“perché non si possa giudicare un’artista per le sue potenzialità e le sue esibizioni senza far ricorso al gossip e alla malvagità.”

Cattiverie gratuite e ingiustificate che forse lasciano ancora più interdetti quando a compierle sono i colleghi. Chissà se ora la Pausini, impegnata nella produzione del nuovo album “Milano-Roma” in uscita l’11-11-2011, vorrà rispondere alle accuse della collega.