Mentre differenti testate riportano compensi oscillanti sulla buonuscita di Michele Santoro, c’è chi solleva un piccolo giallo sul contratto di Santoro in Rai. Si tratta di Rodolfo de Laurentiis, area UDC nel consiglio di amministrazione Rai, che ha domandato chiarezza a Lorenza Lei sulla questione di una buonuscita, in particolare sulla presunta clausola che sancirebbe la non concorrenza su altre reti per due anni.

In ogni caso, il passaggio a La7 sembrerebbe tutt’altro che confermato, dato che Santoro ha anche dichiarato che Enrico Mentana, se fosse vero, lo avrebbe già annunciato in diretta. Difatti non esiste ancora né un contratto, né una firma definitiva da parte del conduttore di Annozero, che stasera saluterà il suo popolo in diretta e forse si toglierà anche qualche sassolino dalla scarpa.

Galleria di immagini: Michele Santoro

Sembra più plausibile che sia il direttore di Rai3 Paolo Ruffini a passare a La7, dove all’attuale direttore sta anche per scadere il contratto. Intanto, i consiglieri di area PD si interrogano sul futuro di altri personaggi di spicco della Rai, come Fabio Fazio, Serena Dandini, Milena Gabanelli e Giovanni Floris. Quest’ultimo, in particolare, con il suo Ballarò potrebbe diventare l’unico personaggio e momento di approfondimento politico in Rai.

In ogni caso, questi quattro conduttori, così come Santoro, hanno fatto ben guadagnare alla TV di Stato in termini di sponsor, per cui non rinnovare il contratto anche con loro sembrerebbe davvero una mossa suicida per la Rai. TV di Stato che attualmente ha un buco al posto di Annozero nei palinsesti: il primetime del giovedì – si dice – potrebbe essere occupato da Voyager, ma si tratta solo di voci al momento.