C’è chi lo chiama yoga del futuro e chi usa il termine Antigravity yoga importandolo direttamente dagli Stati Uniti, dove è stato inventato e da dove è stato importato in Europa e in altri Paesi del mondo aprendo una nuova frontiera in questa antica disciplina indiana basata su pratiche ascetiche e meditative.

Rispetto allo yoga tradizionale, questa versione si pratica – o si vorrebbe praticare – in assenza di gravità, ossia avvolti in grandi lenzuoli appesi al soffitto e staccati dal pavimento, quasi come fanno gli astronauti all’interno delle navicelle spaziali quando sono in orbita attorno alla Terra.

=> Scopri come unire yoga e pilates

Queste amache da palestra, pertanto, penzolano dal soffitto e fanno sì che l’allievo, mettendo in pratica le direttive dell’istruttore, riesca a distaccarsi completamente dal mondo e dai suoi problemi per ritrovare dentro di sé (si spera) il benessere psico-fisico perduto con la vita frenetica.

Un altro vantaggio è che con questi movimenti, il corpo non riceve le tipiche sollecitazioni di quando è a terra a tutto vantaggio della schiena e della colonna vertebrale, che si affaticano soprattutto quando si assumono posizioni sbagliate. Terzo vantaggio: la sospensione in aria favorisce la circolazione favorendo quindi il drenaggio, con positive ripercussioni sulla cellulite.

=> Scopri come dimagrire in relax con il cycle yoga

Dell’Antigravity yoga si avvantaggiano anche le articolazioni, soprattutto di chi è sovrappeso e non vuole rinunciare a questa disciplina. Sotto certi punti di vista la sensazione è simile a quella che si prova in acqua, con tutti i vantaggi di rimanere all’asciutto e di non essere comunque attratti verso il basso. Il corpo, in aggiunta, sarà più libero di muoversi assumendo quelle posizioni difficilmente raggiungibili stando a terra.

A suon di musica new age o ambient, l’Antigravity yoga aiuta anche a rassodare i principali muscoli del corpo a seconda della posizione assunta: un bravo istruttore sa come far sì che si rinforzino gli addominali, i bicipiti o i tricipiti e tutti i più piccoli muscoli delle gambe.

=> Scopri come attivare il metabolismo con lo yoga

Se poi allo yoga si aggiungono tecniche di danza, pilates e ginnastica, i vantaggi sono ancora maggiori. Una lezione dura circa 45 minuti e inizia lasciando che il corpo si sorregga su uno o 2 piedi, per poi lasciarsi andare lentamente in sospensione magari col contorno della luce soffusa, emulando così gli astronauti a 36mila chilometri dalla Terra.

Fonte: Leonardo