Il caldo non se n’è ancora andato, ma avete ripreso a lavorare e avete pochissimo tempo per cucinare? Un’idea facile e veloce per l’ultimo scampolo d’estate è preparare un pasto a base di antipasti, crudi o cotti, purché vegetariani.

Gli affezionati alla carne storceranno il naso, ma non bisogna pensare a verdure, ortaggi, latticini e farinacei come a qualcosa di triste: se si utilizzano gusto e fantasia, qualunque piatto riesce a essere un’esperienza indimenticabile, soprattutto per chi si mette tra i fornelli. Ecco alcuni antipasti semplici da preparare, attraverso dei canovacci di ricette da arricchire con il proprio istinto.

Molti antipasti sono basati sugli involtini, che possono essere realizzati con una base di piadine, di melanzane cotte, di pane da tramezzino, ma anche di foglie di radicchio o di zucchine. La cosa fondamentale è dosare bene i sapori: con le melanzane e le zucchine ad esempio sono perfetti i formaggi e si può pensare anche a un simpatico sugo con pomodori freschi.

I formaggi sono gli ingredienti fondamentali negli antipasti vegetariani, ma non vegani (il formaggio proviene in fondo da un animale): si va dalle varianti spalmabili o dalla ricotta che possono essere arricchiti con dei triti di noci, rucola o entrambi, ma anche i formaggi filanti come le sottilette, la sorresina, l’emmenthal, il bavarese possono fare al caso nostro se decidiamo di utilizzare il formaggio fuso. Non disdegniamo le varianti regionali ad esempio del pecorino, ma anche altri tipi di formaggio come le scamorze, fresche e affumicate, che possono essere utilizzate per guarnire, ma anche a contribuire a dar gusto al tutto.

Con le verdure si può fare anche il carpaccio, per esempio con la barbabietola, che dà l’impressione di essere bresaola, che può essere guarnita con frutta, come mele e arance, ma anche con una salsa di cipolla agrodolce, oppure con il classico grana padano e rucola. Infine, gli spiedini possono essere utilizzati con qualunque cosa, dai pomodorini ai ravanelli, dalle mozzarelline ai cuoricini di finocchio.

Il tutto può essere accompagnato da un’insalata di alghe giapponesi, cui potreste aggiungere una salsa ai semi di sesamo. E a proposito delle alghe giapponesi, se ci riuscite e non è troppo impegnativo, l’antipasto ideale, così come suggerito da GreenStyle, è anche un po’ di sushi vegetariano, come quello che si realizza solo con riso e alga nori, ma anche quello che si trova in tutti i sushi bar, con cetrioli o carote all’interno, o anche formaggio tipo Philadelphia. Non c’è bisogno di particolari attrezzature, basta un po’ di voglia e una stuoia adatta per i vostri rotolini.