Antonella Clerici non ha mandato giù che “Io canto”, programma del sabato sera di Canale 5, sia praticamente una fotocopia del suo “Ti lascio una canzone”.

La padrona di casa del prossimo Festival di Sanremo lancia i suoi strali verso il collega Gerry Scotti, reo di averne accettato la conduzione, e lo fa dalle pagine del settimanale “Chi”, in edicola oggi.

Si profila all’orizzonte una guerra tra protagonisti del piccolo schermo. Come la prenderà zio Gerry?

L’Antonellina nazionale sembra furiosa. Di seguito le sue scottanti dichiarazioni:

Cosa ne penso del programma di Scotti? Tutto il male possibile. Non credevo ai miei occhi. Un conto è copiare, un altro è fotocopiare dalle inquadrature alle battute: cambiano i bambini, che sono diversi ogni anno. Ma è “Ti lascio una canzone”. Se avessi fatto io una cosa del genere sarebbe cascato il mondo.

Secondo la conduttrice di Rai Uno, Scotti avrebbe dovuto rifiutare di far parte di un tentativo, a suo dire, di plagio:

Io avrei rifiutato, preferisco sperimentare qualcosa di nuovo piuttosto che fare qualcosa di già fatto.

Ma se Antonella Clerici ha la memoria corta, noi le ricordiamo che Gerry Scotti non è nuovo a questi tentativi di riadattamento di programmi altrui. Chi non ricorda “Ore 12″ e “La grande sfida”, rispettivamente ispirati a “I fatti vostri” e “Scommettiamo che?”. Gli affari sono affari ma la Clerici la pensa diversamente.