Ridurre “Parla con me“? Il direttore di Rai Tre, Antonio Di Bella, punta i piedi e dice no. Il programma di Serena Dandini, che peraltro realizza ogni sera uno share medio sel 10%, passerebbe dalle quattro seconde serate attuali a una sola serata.

Ma Di Bella ha anche altri progetti, importare un fortunato format di Endemol e darlo in mano alla stessa Dandini per alcune prime serate con la sua inossidabile compagnia. La minaccia di Di bella è stata:

Mi dimetto. Se togliete Serena Dandini, lascio Rai Tre.

Il problema sembra essere la caratterizzazione politica: il PDL ha spesso lamentato, infatti, che su una TV pubblica si attacchi sempre e solo il premier Silvio Berlusconi. E un autore televisivo ha contestato:

Anziché occuparsi della crisi economica del Paese, il premier guarda la TV per censurare i programmi non graditi.

Intanto la Dandini non si pronuncia, e con i tempi che corrono pare impossibile non darle torto. Eppure, di altrettanto vero c’è che l’inchiesta di Trani ora, e in passato le scappatelle del premier con le escort, sono state al centro del programma, leggasi ad esempio “Lost in WC“.