L’appendicite è un’infiammazione che interessa l’appendice, una sporgenza naturale del nostro intestino, posizionata all’inizio del colon, al livello dell’intestino cieco. La sua funzione non è stata ancora ben chiarita ma a quanto pare l’uomo può vivere anche senza di essa, dato che nel caso in cui comporti dei problemi può essere rimossa e anzi, deve essere rimossa.

L’appendicite può colpire soggetti di qualsiasi fascia di età e non sono indenni da essa neppure i bambini molto piccoli: l’appendice tende ad infettarsi e conseguentemente ad infiammarsi quando viene ostruita da pezzi di feci molto dure oppure perché il tessuto linfatico della sua parete diventa troppo voluminoso e tappa la cavità interna, andando a bloccare il drenaggio delle secrezioni intestinali.

Qualora si sospetti che il bambino abbia un attacco di appendicite, è assolutamente consigliato condurlo al pronto soccorso: qui potrà essere sottoposto a cura pediatrica e in caso di necessità potrà essere effettuata un’ecografia completata da esami del sangue per controllare i valori dei globuli bianchi, della proteina C reattiva (tutti valori che aumentano qualora sia presente un’infiammazione in corso).

I sintomi

I sintomi dell’appendicite variano in base all’estensione dell’infiammazione, ossia se essa ha colpito solo l’appendice oppure si è allargata verso il peritoneo.

L’appendicite acuta, ad esempio, si presenta quando l’infiammazione è limitata all’interno della parete dell’appendice. In questo caso i sintomi più comuni che il bambino potrebbe avvertire sono mal di pancia periombelicale localizzato in basso a destra, cui possono associarsi anche febbre, nausea o vomito.

L’infiammazione peritoneale si manifesta invece quando l’infezione raggiunge sì il peritoneo ma è ancora delimitata in una sacca ben precisa intorno all’appendice. In questo caso i sintomi si presentano molto più intensi: il dolore localizzato in basso a destra nell’addome può irradiarsi fino alla coscia o al fegato; compaiono anche febbre e vomito.

– Nella fase peggiore dell’infiammazione si perviene alla peritonite (o appendicite perforata): in questo caso l’infezione perfora l’appendice e il pus si sparge nel peritoneo. Il bambino avverte uno stato di malessere diffuso, assume un colorito grigiastro, avverte forte dolore e la pancia diventa tesa e dura. In questo caso si associano sempre febbre e vomito.

(photo credit: quimamme.it)