Se siete degli appassionati di arredamento in stile inglese, sappiate che con una serie di accorgimenti, con scelte di stile ben precise e una serie di mobili da inserire in maniera mirata è possibile trasformare anche la vostra casa in un cottage delle verdi campagne d’Inghilterra.

Per arredamento in stile inglese si intende, generalmente, quel misto di aspetto classico e formale a un country chic quasi shabby tipico delle case di campagna ma anche delle più tradizionali abitazioni in città. Se gli inglesi, infatti, da un lato sono attaccati ad alcune formalità e tradizioni, per esempio amano prendere il tè delle cinque in un salotto caldo e accogliente, dall’altro sono molto pratici e adorano una cucina ampia, spaziosa, con ogni comfort, come anche un ingresso funzionale viste le condizioni climatiche avverse che imperversano durante la maggior parte dell’anno.

Ecco, allora, come fare ad avere una casa very british grazie all’arredamento in stile inglese.

  • Colore delle pareti. Tipica nelle case dallo stile inglese, per salotto, ingresso e camera da letto, è la carta da parati dai colori caldi o dalle piccole fantasie delicate. E preferite dipingere le pareti evitate il bianco e preferite anche per la vernice colori caldi come il crema, il salmone o tra i freddi il carta da zucchero. Alle pareti non possono mancare tra i quadri i ritratti, le scene campestri e di caccia.
  • Parquet. A parte la cucina e il bagno, che molti preferiscono per una pulizia più semplice con le piatrelle, le altre stanze, ingresso e corridoi compresi, trasmetteranno al meglio il calore e l’accoglienza delle case inglesi se con parquet a terra, non troppo chiaro, magari ricoperto da tappeti classici nei toni del bordeaux e del carta da zucchero.
  • Struttura delle pareti. Ci sono alcuni elementi strutturali della casa tipici dello stile inglese e che potrebbero essere inseriti per ricrearlo: ampie finestre, bovindi, ma anche nicchie alle pareti e sicuramente un caminetto in salotto.
  • Materiali. Per i mobili è il legno il materiale principe nello stile inglese: in base ai propri gusti si può scegliere una mobilia più rustica o più raffinata, levigata e lucida con maniglie in oro. In base sempre allo stile può essere inserita anche una parete, o una parte di esse, in mattoni o pietra grazza.
  • Tinte e tessuti. Oltre alle tinte già nominate, come il crema, il salmone, il bordeaux, il carta da zucchero, per tende, divani, poltrone sedie imbottiti e cuscini sono l’ideale grandi righe verticali ma anche il tapestry fiorato. Tra i tessuti si prediligono i materiali caldi e pesanti, come ad esempio il velluti, ma anche la pelle per divani e poltrone trapuntati.
  • Ingresso. Anticamera della casa, deve accogliere chi arriva da fuori con una consolle, un appendiabiti, un bel tappeto, un portaombrelli ed eventualmente con una griglia per lasciare all’ingresso le scarpe nei giorni di pioggia.
  • Salotto e sala da pranzo. Non possono mancare poltrone, divano, tavolino da tè nel salotto, tavolo e sedie imbottite nella sala da pranzo con mobile buffet e magari una cristalliera o vetrina per esporre le tipiche porcellane inglesi. L’ideale sarebbe anche dar vita a un angolo – se non una stanza – con lo studio.
  • Cucina. La cucina in stile inglese può definirsi shabby chic, con legni chiari, tendine e dettagli rustici come pentole di rame appese e isola in mattoni o muratura.
  • Camera da letto. Classica con dettagli retro, la camera da letto può riprendere colori e stile del salotto e della casa in generale: avere il caminetto per riscaldare le proprie notti invernali sarebbe il massimo.
  • Bagno. Retro e con sanitari di porcellana Old Style il bagno, meglio se con grande vasca con piedini, mobili in legno chiaro e tendine.