Arredare casa con le piante è una delle principali regole dei professionisti per dare vita ad ambienti che abbiano gusto, stile e personalità: ecco, quindi, una piccola guida con le migliori piante arredo interno, le varietà di piante eleganti, le più adatte ad abbinamenti con l’arredamento moderno, le piante arredo bagno, ma anche come arredare con le piante grasse, le più facili da curare.

Se avete il pollice verde, dunque, non limitatevi a un balcone fiorito, o alle utili piante contro le zanzare, ma pensate alle piante come un vero e proprio elemento d’arredo, anche – perché no – per la camera da letto, facendo comunque attenzione a non commettere errori nella cura delle piante e sapendo bene quando e come annaffiarle, soprattutto in periodi di vacanza.

Vediamo, allora, alcuni pratici consigli per arredare casa con le piante.

Piante arredo interno

Le piante arredo interno sono un’idea meravigliosa per rendere elegante l’ambiente e dare vita ad angoli e pareti, nel caso di varietà rampicanti o a cascata. Non è poi così difficile prendersene cura: è importante sceglierle in base alla luce che potranno avere nella stanza, e soprattutto fare attenzione a non creare, soprattutto d’inverno con i caloriferi, un ambiente troppo secco.

Piante di erbe aromatiche in cucina, piante che purificano l’aria in camera da letto, piante eleganti per il salotto, non c’è quasi limite alla scelta.

Tra le piante più semplici da coltivare in casa ci sono la Crassula, una succulenta chiamata anche albero della giada, la Saintpaulia, o Violetta africana, il rampicante Filodendro, la Aphelandra, o pianta zebra.

Quali sono le piante eleganti da appartamento

Le piante portano ad una stanza una naturale eleganza, un senso di vita e di accoglienza. A partire, ovviamente, dal Tronchetto della felicità, dall’amato Ficus benjamina e dal diffuso Spatifillo o giglio della pace, dai candidi fiori, che ha anche la capacità di depurare l’aria. Gli amanti dei colori possono puntare sulla Begonia o sulla Bromelia. Deliziosa, ma non facile da curare, la Hoya carnosa (conosciuta come Fiore di cera o Fiore di porcellana).

Quali piante scegliere con l’arredamento moderno

Le piante alte e longilinee solo le migliori per un abbinamento con lo stile moderno. Molto importante, in questo senso, è anche il vaso: meglio evitare i modelli tradizioni e puntare per linee minimal o modelli originali scelti tra le tendenze di design. Perfetta in questo caso la Dischidia, un piccolo rampicante che potrebbe crescere, per esempio, su grandi boule di vetro trasparenti. Bella anche una pianta grassa dal fusto e dalle foglie carnose come la Zamia, la palma d’Areca, la simile Dracaena o ancora l’originale Lingua di suocera, cioè la Sansevieria trifasciata.

Come arredare con le piante grasse

Se non avete il pollice verde niente paura, perché le piante grasse, comunemente, hanno bisogno di poca acqua e di poche cure. E se i cactus più grandi sono l’ideale per gli angoli delle stanze più ampie, con le altre varietà più piccole ci si può sbizzarrire, e piazzare simpatici vasetti con piante grasse un po’ ovunque, sui mobili, sulle mensole, tra gli scaffali delle librerie o appesi al soffitto grazie a vasi pendenti. Se avete bambini piccoli e animali, però, occhio alla scelta: optate per le varietà senza pericolose spine.

Quali sono le piante arredo bagno

Sebbene non sia una pratica comune mettere le piante in bagno, le specie che si adattano meglio al clima umido di questa stanza sono perfette per creare un ambiente accogliente ed elegante. Tra le piante che possono raggiungere grandi dimensioni, ideali il Papiro e la Dracena, tra quelle di medie dimensioni la tropicale Tradescanzia (erba miseria) e il Cisso, mentre se avete poco spazio sarà perfetta l’Orchidea.