Justin Bieber è stato nei giorni scorsi in pericolo di morte. Il cantante infatti era uno dei quattro obiettivi del piano di Dana Martin, in galera a scontare due ergastoli per stupro e omicidio. Martin aveva assoldato due sicari, due uomini del Nuovo Messico, uno dei quali aveva conosciuto in carcere, Mark Staake di 41 anni e il nipote Tanner Ruane di 23 anni.

=> Scopri la vittoria di Justin Bieber agli American Music Awards

Galleria di immagini: Justin Bieber: David Letterman show

I due sono stati fermati il 19 novembre, il giorno dopo alla vittoria del cantante negli American Music Awards, al confine con il Canada, mentre tramavano di rapire e uccidere con la castrazione quattro persone tra cui Justin Bieber, durante il concerto previsto a fine novembre a New York, al Madison Square Garden. Fortunatamente per Bieber i due sono stati fermati perché Staake aveva aggirato la libertà vigilata: così gli uomini sono stati perquisiti e sottoposti a indagine, perché in possesso di armi atte alla castrazione.

Pare che Martin fosse letteralmente ossessionato da Bieber, tanto che possiede anche il tatuaggio del cantante sul proprio corpo: per questa ragione ha assoldato i due sicari, anche se il prezzo dei testicoli di Bieber non sembra essere troppo alto. Per i “gioielli” del cantante, infatti, Martin avrebbe dato ai due mercenari la somma di 2.500 dollari per ogni “pregiato pezzo”.

Pericolo scampato: il cantante è vivo e sta bene e né la sua vita né la sua virilità sono a rischio. I suoi milioni di fan quindi potranno tirare un sospiro di sollievo, augurandosi che queste cose non capitino né a lui né ad altre persone.

Fonte: USA Today.