Una compagnia aerea americana ha inaugurato dei voli regolari tra Miami e Cancun. Fino qui nulla di strano, visto che sono molti i vettori che coprono questa tratta regina di chi effettua viaggi, soprattutto in inverno. La caratteristica principale della Naked Air, infatti, non è il servizio di bordo né la puntualità, ma il fatto che si può praticare naturismo, viaggiando quindi completamente nudi.

=> Scopri i 10 consigli per viaggi perfetti

Si tratta una piccola rivoluzione nel mondo dei viaggi, dato che fino a ora il naturismo si poteva praticare in spiagge o villaggi ben delimitati, oltre che nel giardino di casa propria.

I passeggeri, una volta a bordo, possono liberarsi degli ingombranti fardelli dei vestiti mettendo “a nudo” la propria anima e la propria personalità oltre che le proprie grazie. Tutto ciò senza per questo rinunciare ai servizi di una compagnia aerea nata su misura per occuparsi delle esigenze di questo tipo di clientela, con personale di bordo che, per regolamento, è tenuto a indossare l’uniforme.

=> Scopri l’ufficio dove si pratica naturismo

Una volta che l’aereo è atterrato a destinazione, i passeggeri sono invitati a slacciare le cinture (del sedile) e a riallacciare le cinture (dei vestiti), dato che la libertà di volare senza nulla addosso riguarda solo l’aereomobile e il resort dove gli ospiti vengono accompagnati, ma non il terminal aeroportuale né il pullman che effettua il trasferimento.

La Naked Air, però, non è l’unica compagnia a effettuare voli per passeggeri – per così dire – speciali: ce ne sono altre che fanno viaggiare solo animali domestici – dove il personale è composto da veterinari – come la Pet Airways, che a causa della crisi ha interrotto le operazioni, con il disappunto dei clienti più “fedeli” come cani e gatti.

=> Scopri come proteggersi dal sesso in vacanza

Ci sono poi altri vettori come Erotic Airways creata apposta per quei passeggeri che cercano la trasgressione in volo, facendo l’amore in una saletta riservata sicuri del fatto che il cellulare non potrà mai suonare.

Fonte: Libero Viaggi