È stato sponsorizzato con passaggi pubblicitari martellanti, con il tam tam su Internet e lanciato come il reality più innovativo della televisione. Evidentemente, però, il pubblico non si è fatto ammaliare da Uman Take Control, il nuovo esperimento di Italia 1: sono solo 1.862.000 i telespettatori che si sono collegati con il Mago Forest e Rossella Brescia, per uno share del 9.80%.

Il programma è stato battuto da quasi tutte le controproposte della concorrenza, come “A un passo dal cielo” di Rai 1 (21,49% di share), “Bride Wars” su Canale 5 (13,07%) e “Due” su Rai 2 (11,11%). Addirittura Italia 1 si è ritrovata a gareggiare contro un documentario di Rai 3, “Verso la guerra. Fermate Mussolini” (4,97%), il film “World Trade Center” di Rete 4 (6,39%), inserito di fretta e furia nei palinsesti per cavalcare l’onda mediatica della morte di Osama Bin Laden, e “L’infedele di La7” (3,47%).

Galleria di immagini: uMan Take Control, il cast

Le motivazioni di quel che appare a tutti gli effetti un flop, perché con un cast di amatissimi del reality come quello di uMan ci si aspettava di certo risultati migliori, sono già state ampiamente sottolineate: la conduzione ha lasciato spesso a desiderare, i giochi in studio non sono una novità e il leitmotiv della trasmissione appare tutto fuorché chiaro. Il feedback dei social network, in particolare su Twitter, non è confortante, visto che in molti hanno visto nella trasmissione un modo facile per approfittarsi del televoto, perché lo spettatore è chiamato a votare per qualsiasi inezia.

Nemmeno i momenti sexy, come l’intimo di Veronica Ciardi in bella vista sotto la tutina, la doccia sexy o il bacio lesbo tra la stessa Veronica e l’eliminata Nora Amile, hanno portato l’atteso miracolo di ascolti alla trasmissione.

Più che i concorrenti, tuttavia, a sollevare i maggiori dubbi sono i presentatori: Rossella Brescia e il Mago Forest non hanno lasciato trasparire una particolare alchimia. Chiassosa la ballerina e spento il comico, la modalità di conduzione è stata lenta, poco coordinata e noiosa per il pubblico a casa. In effetti, sui social network in molti si sono chiesti perché il ruolo di padroni di casa della trasmissione non sia stato conferito agli opinionisti La Pina e Diego Passoni, gli unici due personaggi davvero innovativi dell’intera trasmissione.