Che siate delle maniache dell’igiene domestica o che al contrario siate poco inclini a occuparvi della casa, la scelta dell’aspirapolvere è un fattore che non dovreste sottovalutare.

Il motivo? Semplice: un buon prodotto saprà garantirvi ottimi risultati in termini di pulizia, se vi sentite delle Cenerentole convinte, e nello stesso tempo vi consentirà di ottimizzare i tempi e risparmiare la fatica, laddove pulire e riordinare non sia proprio il vostro forte.

Tra le migliori proposte in commercio ci sono quelle di Severin, azienda di elettrodomestici tedesca che offre una vasta scelta di aspirapolvere in grado di coniugare praticità, design e qualità e di soddisfare al massimo le esigenze delle donne moderne.

Prima di recarvi in un negozio e acquistare il primo aspirapolvere in offerta che vi capita, sarà meglio tenere a mente alcune, utilissime considerazioni.

Ecco allora 10 cose da sapere per acquistare l’aspirapolvere perfetto!

  1. Sacchetto o non sacchetto? Probabilmente è la prima cosa che vi verrà chiesta da un negoziante. Tenete presente che le prestazioni tra le due diverse tipologie sono pressoché identiche.  L’unica differenza? L’aspirapolvere con sacchetto vi costringerà a comprare un accessorio in più ma richiederà meno fatica nella manutenzione. Quello senza sacchetto, invece, può risultare più pratico nell’immediato ma deve essere pulito più spesso.
  2. Praticità. Poiché l’aspirapolvere è uno strumento che userete spesso in casa è bene valutare che sia maneggevole e comodo da utilizzare. Se è troppo pesante, scomodo da sollevare o con un cavo che rischia di attorcigliarvisi alle caviglie ad ogni spostamento, con ogni probabilità vi passerà la voglia di usarlo ogni qualvolta vi si presenti l’occasione.
  3. Come lo accendo? Per rendere più facile e veloce il suo utilizzo, poi, è meglio optare per un aspirapolvere dal funzionamento intuivo, ovvero che vi permetta di trovare immediatamente il tasto di accensione e di riavvolgere il cavo in poche mosse.
  4. Rumore. Un fattore da non sottovalutare è poi il rumore. Se avete bisogno di usare l’aspirapolvere anche mentre i bimbi dormono oppure la sera, senza dover svegliare tutto il vicinato, la soluzione ideale è quella di affidarsi a un prodotto il più possibile silenzioso. Un esempio? S’Power SnowWhite della Severin, aspirapolvere di ultima generazione dotato di Soft Sound Design, un sistema innovativo che elimina i picchi sgradevoli di rumore e riduce la rumorosità grazie all’impiego di materiali fonoassorbenti e metodi di isolamento. Potrete usarlo quando volete senza il rischio di disturbare nessuno e senza procuravi un’emicrania.
  5. I punti più difficili. Attenzione anche alla scelta delle bocchette: dovranno essere in grado di facilitare la pulizia anche nei punti più ostici. È  nfatti negli angoli, sotto al divano o dietro i mobili che solitamente si deposita la maggior parte della polvere. Assicuratevi sempre allora che ci siano varie bocchette a disposizione per aspirare su diverse superfici e che l’aspirapolvere disponga di una bocchetta a forma stretta ideale anche per punti difficili da raggiungere.
  6. Il filtro. Sembra un dettaglio di poco conto ma il filtro dell’aspirapolvere ha una funzione fondamentale. Cercate allora un prodotto in grado di depurare al massimo l’aria di scarico e che non rilasci polvere, polline, allergeni degli acari o muffa. Ancora meglio se il prodotto dispone di diversi stadi di filtrazione, come il modello MY 7118 dell’aspirapolvere “Pet” di Severin.
  7. L’etichetta energetica. Lo sapevate? Su tutti gli aspirapolvere prodotti dal 1° settembre 2014 è obbligatoria l’apposizione dell’etichetta energetica, che vi permetterà di confrontare con chiarezza le prestazioni dei vari modelli in commercio. Crediate sia necessario un ingegnere per decodificare quello che c’è scritto? In realtà è più facile di quel che pensate: sull’etichetta energetica, la qualità delle varie prestazioni dell’aspirapolvere viene indicata utilizzando una scala di valori che va da A (prestazione migliore) a G (prestazione peggiore). Oltre alla categoria di consumo, troverete indicati altri valori importanti come il livello di remissione di polvere nell’ambiente. etichetta-energetica
  8. Se in casa ci sono bimbi e animali. È inoltre importante scegliere il vostro aspirapolvere ideale in funzione dello spazio da pulire, della presenza in casa di tappeti e di amici a quattro zampe che possono seminare una grande quantità di peli in giro. In questo caso allora, meglio scegliere un aspirapolvere pulitore adatto: l’aspirapolvere con sacco “Pet” della Severin, modello BC 7058, ha una grande forza aspirante ed elimina facilmente peli, capelli e polvere. Così, anche se avete bimbi piccoli in casa, potrete stare tranquille.
  9. Dove lo metto? Prima di procedere all’acquisto valutate anche le dimensioni dell’aspirapolvere. Pensate quindi a dove andrà riposto in casa e allo spazio disponibile. Dovrete poterlo prendere e rimettere al suo posto in modo pratico e veloce, senza sforzi e senza dover spostare ogni volta altri oggetti.
  10. Garanzia di durata. Infine scegliete un prodotto che possa durare il più a lungo possibile. Il segreto? Valutate con attenzione il materiale di cui è costituito: deve essere resistente agli urti, ai graffi e alle possibili abrasioni.

Quindi, occhio alla scelta! Perché se è vero che sono i diamanti i migliori amici di noi donne, sicuramente sono gli aspirapolvere i nostri più fedeli alleati.

Pubbliredazionale