Il giudice assolve lo stalker e Michelle Hunziker rischia di ripiombare nell’incubo.

È questo quanto rischia la bella showgirl svizzera dopo che il Tribunale di Milano ha assolto il cagliaritano Fabrizio Piga riconoscendogli la totale infermità mentale.

L’uomo, che ha fatto oggetto di continue molestie la conduttrice per un incubo durato due anni, importunandola sia telefonicamente che per mezzo di lettere e arrivando perfino a pedinarla, era accusato di violenza privata, dato che all’epoca dei fatti lo stalking non era ancora stato riconosciuto dal Codice Penale come reato.

Secondo il giudice, basandosi su una perizia psichiatrica, Piva soffre di un “disturbo bipolare con manifestazioni psicotiche, di tipo narcisistico e ossessivo” e necessita quindi di terapie adeguate, che gli saranno somministrate senza alcun obbligo di ricovero in un istituto psichiatrico, evitando pertanto qualsiasi condanna in prigione.

La decisione ha aperto fin da subito numerose polemiche, tanto che in molti si sono domandati se sia opportuno lasciare di fatto a piede libero una persona psicologicamente instabile che, peraltro, ha già manifestato in passato un certo livello di pericolosità, tanto da obbligare Michelle Hunziker a farsi accompagnare da una guardia del corpo e a modificare la sue abitudini per evitare le molestie.

Ricordiamo anche come la show girl svizzera, dopo questo caso di stalking, aveva deciso di aprire l’onlus Doppia Difesa, associazione alle prese con la difesa delle donne in difficoltà.