Sta lentamente prendendo piede l’astinenza sessuale in questa società dove il mordi e fuggi è la regola, eppure sempre più donne la preferiscono a un appuntamento occasionale.

Si sa che le donne e gli uomini reagiscono in modo diverso, per quanto riguarda approccio e implicazioni che posso scaturire da una notte di sesso. Nonostante nel femminismo ci sia stata una brusca controtendenza in tutti questi anni, e da liberate le donne si sono ritrovate schiave della propria mente e della morale contorta.

Mentre il femminismo informava sulla riscoperta del nostro corpo e dei nostri diritti, garantendo nozioni e argomenti di discussione, l’eccessiva esposizione mediatica del corpo femminile negli ultimi 30 anni ha distorto il ruolo e il suo fondamentale valore.

Galleria di immagini: Astinenza creativa

La mercificazione ha fatto si che il sesso sia diventato un elemento di contatto immediato tra giovani e giovanissimi, dove vengono a mancare gli step intermedi di conoscenza anche se pur minima. Oltre al molto tristemente collaudato sesso come moneta di scambio. Forse per questo sono moltissime le donne, ma anche alcuni uomini, che non si sentono al passo della corsa principale verso il letto. Non sempre legata all’età, questa scelta è autonoma e razionale.

Non ha nulla a che fare con l’incapacità di trovare un ipotetico compagno, o con timidezze personali, ma piuttosto si basa sullanecessità di lentezza e consapevolezza nell’approcciarsi con l’altro sesso. Anche se tutto poi conduce comunque a una notte di sesso, c’è chi preferisce fermarsi prima o rinunciare e per questo l’astinenza è stata definita creativa.

Nulla a che vedere con la nuova corrente definita di asessuali cioè un gruppo sempre più nutrito di persone che rinunciano volontariamente al sesso, ignorando impulsi ma delegando ai baci il ruolo di unico contatto. Il fondatore di questa filosofia è David Jay, che si fa portavoce di un gruppo sempre più vasto. I suoi seguaci non rinunciano al sesso per convinzione religiosa ma per puro disinteresse, si dichiarano casti con orgoglio ma senza fanatismo. Non provano nè emozioni nè desiderio, nè tantomeno interesse nei confronti del sesso. Non è una conseguenza data da delusioni o traumi, discorso molto più complesso, ma da un vero e proprio rifiuto nei confronti della sessualità.

Delegando alla meditazione, alla contemplazione e all’affetto i ruoli principali in una relazione.

Una cosa certa è la difficoltà generale, ai giorni nostri, di stabilire un contatto e una comunicazione disinteressata. Ai sociale network il compito di creare un punto di partenza, anche se mancano gli elementi principali per percepire l’interesse reciproco. Caratteristiche date dalla mimica, dalla postura e dalla voce. Oltre a una informazione corretta che riguardi il sesso, i metodi di prevenzione e il suo valore.