Il caffé, si sa, è un po’ come un rito quotidiano al quale, per molti, è davvero difficile rinunciare. Attenzione però a non berne troppo, in quanto alti livelli di caffeina nel corpo provocano nella persona l’effetto doping.

Secondo quanto è infatti emerso da una recente ricerca condotta nell’Università di Coventry, 70 microgrammi di caffeina comporterebbero un aumento delle performance sportive pari al 6%, andando a stimolare il sistema nervoso centrale e i recettori dei muscoli, e provocando nel corpo una risposta che farebbe aumentare la resistenza fisica.

Probabilmente gli assidui frequentatori delle palestre hanno sperimentato i vantaggi del suo utilizzo, ma è bene non superare il limite di massimo di 12 microgrammi.

L’utilizzo regolare e prolungato di caffeina porta infatti all’assuefazione, e secondo gli esperti l’ideale sarebbe non superare un massimo di tre tazzine di caffé al giorno: nel caso in cui se ne abusasse, si potrebbe arrivare a soffrire di depressione, demotivazione e incapacità di concentrarsi.