Low impact, ovvero a basso impatto. Si tratta di un allenamento fisico adatto ai principianti ma in grado di far bruciare molte calorie. Indica un approccio di tipo antinfortunistico: si riduce l’impatto al suolo tipico della corsa in modo da evitare eventuali traumi alle articolazioni.

Un esempio di {#allenamento} a basso impatto è la camminata. Per iniziare è sufficiente camminare per dieci minuti all’aperto, in un parco oppure nel proprio quartiere. Ogni settimana bisogna incrementare il tempo dedicato alla camminata aggiungendo il 10% in più. Il modo migliore per intensificare l’allenamento è variare la velocità: aumentare e diminuire il passo, salire e scendere dal marciapiede o passeggiare in collina ci farà bruciare molte più calorie.

Camminare per 45 minuti fa bruciare ben 181 calorie. Ma i benefici derivati dal walking sono legati anche al miglioramento della condizione generale cardiaca. Inoltre, l’ottimizzazione della circolazione e ossigenazione dei tessuti favorisce la diminuzione della cellulite.

I pattini in linea, più noti come rollerblade, rappresentano un allenamento efficace e sicuro. Quest’attività sollecita in maniera completa i gruppi muscolari superiori e inferiori mentre le braccia svolgono un ruolo fondamentale per mantenere il necessario equilibrio. È uno dei modi più semplici e divertenti per bruciare 570 calorie in 45 minuti, migliorare la la struttura ossea e la capacità polmonare.

Chi ama il ballo e la musica può provare la zumba. Si tratta di un allenamento in gruppo che prevede l’utilizzo di passi e movimenti della musica afrocaraibica associati a quelli dell’aerobica. Scatenandosi e divertendosi con la zumba per un’ora si bruciano ben 350 calorie senza accorgersene. Questo tipo di allenamento è indicato a tutti coloro che non amano praticare sport individualmente: la condivisione può essere un’efficace stimolo per frequentare regolarmente le lezioni.

Un’altra disciplina low impact è l’arrampicata. L’allenamento si può svolgere all’aperto o indoor ed è ottimo per migliorare la tonicità, l’elasticità e la definizione muscolare. Un’ora di arrampicata fa bruciare circa 430 calorie e coinvolge arti superiori e inferiori, addominali e glutei.

Chi ama la bicicletta sarà contento di sapere che correre sulle due ruote per 45 minuti a ritmo moderato permette di bruciare quasi 400 calorie. Questo sport a basso impatto impegna il sistema cardiocircolatorio e respiratorio apportando un miglioramento a efficienza cardiaca e capacità respiratoria. La pratica regolare del ciclismo favorisce un superiore controllo della pressione arteriosa, della glicemia, del colesterolo e del peso corporeo.

Un modo semplice e a basso impatto per iniziare o riprendere l’attività sportiva è l’ellittica, un attrezzo facile da usare che consente di bruciare 330 calorie se utilizzato per tre quarti d’ora. L’ellittica sollecita quadricipiti, addominali e glutei e apporta benefici all’apparato cardiovascolare.

Il nuoto è uno sport low impact consigliaro a tutti perché è completo e facile da praticare. Questa disciplina ha moltissimi benefici: migliora la resistenza fisica, stimola la circolazione, e aumenta la capacità respiratoria. Inoltre, agisce benevolmente sul cuore e i polmoni. 45 minuti di dorso, rana o stile libero permettono di bruciare ben 330 calorie.

Uno degli attrezzi da palestra usato di meno è il vogatore. Eppure si tratta di uno strumento molto utile perché impegna tutti i muscoli del corpo e, in 45 minuti di allenamento permette di bruciare oltre 300 calorie. L’allenamento con il vogatore determina un innalzamento delle prestazioni sia per quanto riguarda la resistenza che la forza, rafforza il sistema cardiocircolatorio, la muscolatura del busto e quella degli arti inferiori.

Fonte: Prevention.