La situazione finanziaria della Rai non è attualmente ottima, eppure tale questione non sembra interessare a Augusto Minzolini, amato e odiato direttore del Tg1 che ultimamente è salito agli onori della cronaca per alcune sue scelte discutibili in ambito informazione.

Minzolini infatti si sarebbe dato alle “spese pazze” con la carta di credito aziendale, spendendo in un anno un capitale pari a ben 66 mila euro, ovvero 5.500 euro al mese, stipendio che qualunque famiglia normale italiana si sogna.

Di questi, circa 500 euro al mese sarebbero stati utilizzati per pagare pranzi e cene al ristorante, o per fare dei regali a ospiti, fonti e autorità istituzionali.

Saranno stati soldi spesi nell’interesse dell’azienda? Bisognerà vedere come si risolverà la questione, che verrà analizzata dal magistrato contabile Luciano Calamaro. Che per Augusto Minzolini si profili all’orizzonte qualche guaio?