Sono vari i motivi per cui oggi la donna tende o è costretta a rimandare una maternità pur desiderata.

E così aumentano le mamme over 40, soprattutto in Italia e Svizzera, che sono prime nella classifica europea. Secondo quanto confermano i dati Eurostat, negli ultimi 4 anni le madri over 40 sono aumentate di oltre il 5,3% in Italia e del 5,2% in Svizzera, portando così l’età media della maternità nel 2010 a 31,2 anni, tra le più alte in Europa insieme a Irlanda e Spagna.

Diverse le ragioni per le quali le donne rimandano la maternità: il lavoro precario e quindi condizioni economiche non favorevoli all’arrivo di un bambino che ha bisogno di tante cose; l’attesa del partner ideale con il quale condividere la gioia e le ansie della maternità; problemi fisici di varia natura come un’eventuale infertilità che invece richiede il parere di un medico piuttosto che il rinvio di una gravidanza.

Secondo Thierry Suter, specialista in medicina della riproduzione del centro per la fertilità ProCrea di Lugano, l’età è il peggiore nemico della fertilità, per cui è consigliabile ricorrere subito all’aiuto di uno specialista: ”più si fa passare il tempo e più si abbassano le probabilità per una donna di rimanere incinta”, sostiene Thierry Suter. Eppure le donne che diventano mamme dopo i 40 anni continuano ad aumentare.

Rimandare peggiora la situazione, al punto che anche la fecondazione assistita risente di questo calo naturale, nonostante i molti progressi in quest’ambito. Riuscire ad agevolare una gravidanza mediante tecniche di procreazione medicalmente assistita, in donne di età superiore ai 40 anni, è uno dei più grandi ostacoli che il medico della riproduzione si trova ad affrontare.

Secondo l’ISTAT, le donne italiane tendono a rimandare nel tempo la maternità più di quasi tutte le donne dell’Unione Europea: l’età media del matrimonio è di 28 anni contro una media europea di 27,1 anni; l’età della prima gravidanza è in media, come detto, di 30 anni contro i 29 delle donne europee. Tuttavia, al di là di queste statistiche, si è appurato anche è in aumento la richiesta di prestazioni sanitarie nel campo dell’infertilità.

Negli ultimi dieci anni, infatti, il numero di donne che hanno usufruito di prestazioni mediche per sterilità è aumentato del 28%. Questo sta ad indicare chiaramente una sempre maggiore attenzione ai problemi dell’infertilità, una maggiore consapevolezza delle possibilità terapeutiche per godere finalmente di quel sentimento sublime e purissimo quale può essere solo la gioia di diventare mamma…anche a quarant’anni!!!