Approfittando dell’attuale Avatar-mania, la rivista per adulti Hustler ha annunciato che è pronta a realizzare una versione a luci rosse dell’ultimo film di fantascienza prodotto e diretto da James Cameron (“Titanic”, “Terminator 2: il giorno del giudizio”, “Aliens – Scontro Finale”).

Hustler (il nome in italiano si traduce con “il suonatore di piffero”) ha già realizzato in passato porno-parodie ispirate a personaggi celebri, come Sarah Palin (ex Governatore dell’Alaska) e il celebre golfista Tiger Woods, oppure a serie televisive culto quali “Star Trek” e “Happy Days”.

La versione hard di Avatar si intitolerà This Aint Avatar XXX, anche se il sito della rivista di cinema Empire ha già proposto ai suoi lettori di suggerire titoli più accattivanti. Hustler non ha rivelato ulteriori dettagli su questo progetto: non si conosce quindi né la data di uscita né l’eventuale realizzazione in 3D.

Larry Flynt, fondatore della rivista e della Larry Flynt Productions (LFP), da ormai dodici anni produce anche film pornografici pubblicati con l’etichetta Hustler Video. Nel 1996 uscì il film autobiografico Larry Flynt – Oltre lo Scandalo, diretto da Milos Forman e co-prodotto da Oliver Stone, che vinse addirittura l’Orso d’oro al Festival di Berlino 1997. Nella pellicola, in cui recitano anche la cantante Courtney Love, l’attore Edward Norton e Woody Harrelson (nei panni di Larry Flynt), viene ripercorsa la vita travagliata dell’editore statunitense: i processi di cui è stato imputato, le minacce, le polemiche e le censure subite fino all’attentato perpetrato da un fanatico moralista nel marzo del 1978, che gli ha fatto perdere l’uso delle gambe.