Dal 15 gennaio arriva nelle sale italiane il film di fantascienza più costoso della storia del cinema, con un budget di circa 400 milioni di dollari, che ha già sbancato tutti i botteghini mondiali registrando il maggiore incasso di tutti i tempi. Stiamo “Avatar“, l’ultimo capolavoro di James Cameron, premio Oscar per “Titanic”.

Grazie all’invito di Mazda, abbiamo potuto assistere, sabato 9 gennaio, all’anteprima di Avatar presso il cinema Adriano di Roma.

Il film è stato osannato da molti come il capolavoro dell’anno, criticato da molti altri perché solo effetti speciali e niente trama. In realtà se il cinema è immaginazione, poesia, fantasia ed effetti speciali, allora Avatar è senza dubbio il film del secolo.

La trama sicuramente non è delle più originali: c’è amore, guerra, amicizia e fratellanza.

Lo spettatore viene catapultato e immerso in un mondo nuovo, dove colori meravigliosi e magia si respirano in ogni singolo fotogramma. Tutto questo è possibile grazie alle ultime tecnologie ma anche grazie ad un regista fantasioso, innovativo, qual è James Cameron.

La storia si ambienta nel 2154, quando i terrestri hanno sfruttato al massimo il loro pianeta e adesso hanno bisogno delle ricchezze minerarie del sottosuolo di Pandora. Pandora è un pianeta dove la vegetazione è selvaggia ed è abitata da pericolosi animali e dalla popolazione dei Na’Vi, primitivi ominidi blu. I terrestri vogliono colonizzare il pianeta e così adottano due strategie: da un lato i militari sono pronti a sganciare le loro bombe per conquistare il territorio, dall’altro un gruppo di scienziati, capeggiati dalla dott.ssa Grace (Sigourney Weaver) vorrebbero raggiungere un accordo pacifico con i nativi del pianeta. Un marine che ha perso l’uso delle gambe nell’ultima guerra, si ritrova per caso a far parte della missione degli Avatar.

Dovendo sostituire il defunto fratello gemello, per il quale era stato creato un avatar con il suo DNA, Jack (Sam Worthington) sarà catapultato in un mondo nuovo e sconosciuto. Così, tramite il suo avatar, Jack dovrà comprendere la cultura, le tradizioni e il modus vivendi degli abitanti di Pandora. Ben presto Jack s’innamorerà’ del popolo dei Na’Vi e della figlia del re (Zoe Saldana). Sarà proprio l’ex marine che dovrà guidare la resistenza degli abitanti di pandora contro l’invasione terrestre.

Il messaggio del film, aldilà degli scontati stereotipi del bene che vince sul male, è chiaro: bisogna difendere l’ambiente, salvaguardare la Madre Terra che è energia, linfa vitale.

Cameron con questo film ha inaugurato sicuramente una nuova era del cinema con le nuove tecnologie utilizzate come la “performance capture” facciale per riprodurre l’espressione mimica degli attori e la “Virtual Camera” per riproporre un’ambientazione più verosimile possibile.

Gli effetti speciali sono meravigliosi, la visione in 3D è consigliata ma non necessaria, la visione su schermi Imax un’esperienza fortunata solo per i pochi che ne possono usufruire.