Ai Bafta 2012 ha sbancato “The Artist“, con ben 7 premi nelle categorie principali, Meryl Streep ha vintoil premio per Miglior attrice protagonista con “The Iron Lady” e le briciole sono rimaste per “The help”, “La talpa” e “Hugo Cabret”.

The Artist” e Meryl Streep si sono portati via tutti i premi principali, tra Miglior film, Miglior regia, Miglior attore protagonista, a lei Miglior attrice protagonista, Miglior sceneggiatura originale, musica, costumi e trucco, perciò non resta che cercare le sorprese nelle retrovie.

Galleria di immagini: Bafta 2012: red carpet

The Help” ha confermato l’attenzione della critica, con il premio a Octavia Spencer come Miglior attrice non protagonista, soffiato alla collega stella nascente del cinema Jessica Chastain. Mentre Christopher Plummer di “Beginners” si è aggiudicato il Bafta per Miglior attore non protagonista, in lizza tra gli altri con Philip Seymour Hoffman di “Le idi di marzo”.

George Clooney, che con due film in lizza quest’anno tra “Le idi di marzo” e “Paradiso amaro” era praticamente in tutte le categorie, è rimasto a mani vuote. Come l’amico e collega Brad Pitt, il cui “Moneyball – L’arte di vincere” non sta ricevendo molte attenzioni. “Hugo Cabret” di Martin Scorsese ha perso contro “The Artist” proprio per la regia, ma ha ricevuto il premio per il suono e soprattutto per la scenografia ai nostrani Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo, candidati anche agli Oscar. Il maestro si è portato a casa anche una sorta di premio alla carriera, così come il collega John Hurt per il suo “Incredibile contributo britannico al cinema”, visto tra l’altro nella saga di “{#Harry Potter}” come signor Ollivander, il venditore di bacchette magiche.

Sempre per quanto riguarda la categoria tutta british, “La talpa“, con Gary Oldman e Colin Firth nei panni delle spie, ha vinto il Miglior film britannico. “Harry Potter e i doni della morte parte II” invece si è conquistato il premio per i Migliori effetti visivi, perdendo quello per il trucco andato a “The Iron lady”.

Il premio alle giovani stelle nascenti è andato ad Adam Deacon, britannico doc di cui nessun film è arrivato in Italia, che ha battuto anche Chris Hemsworth, australiano presto in “{#Biancaneve e il cacciatore}”.

  • Miglior film: The Artist;
  • Attore protagonista: Jean Dujardin, The Artist;
  • Attrice protagonista: Meryl Streep, The Iron Lady;
  • Attore protagonista: Christopher Plummer, Beginners;
  • Attrice non protagonista: Octavia Spencer, The Help;
  • Regia: The Artist, Michel Hazanavicius;
  • Sceneggiatura originale: The Artist, Michel Hazanavicius;
  • Adattamento cinematografico: La talpa, Bridget ò Connor & Peter Straughan;
  • Film in lingua straniera: La pelle che abito che abito;
  • Film d’animazione: Rango;
  • Incredibile film britannico: La talpa;
  • Incredibile debutto di uno scrittore, regista o produttore britannico: Tyrannosaur, Paddy Considine (regista), Diarmid Scrimshaw (Produttore);
  • Musica: The Artist;
  • Cinematografia: The Artist;
  • Montaggio: Senna;
  • Scenografia: Hugo Cabret;
  • Costumi: The Artist;
  • Suono: Hugo Cabret;
  • Effetti speciali visivi: Harry Potter e i doni della morte Parte 2;
  • Trucco: The Iron Lady;
  • Cortometraggio: Pitch Black Heist;
  • Stella nascente: Adam Deacon;
  • Premio alla carriera: Martin Scorsese;
  • Cortometraggio d’animazione: A Morning Stroll;
  • Documentario: Senna;
  • Incredibile contributo britannico al cinema: John Hurt.

Fonte: Bafta Awards