Mediaset non ha evidentemente digerito la decisione dei giudici del Tribunale di Roma che hanno imposto la sospensione di “Baila!“, il nuovo talent show VIP di Canale 5, perché un plagio di “{#Ballando con le stelle}” di Milly Carlucci. Attraverso un comunicato diramato dalla conduttrice Barbara D’Urso, e ribadito durante il TG5, l’azienda del biscione fa sapere che il programma andrà comunque in onda.

Galleria di immagini: Barbara D'Urso

Evidentemente nemmeno le sentenze, seppur con presentato ricorso, spaventano gli studi e la produzione di Cologno Monzese, pronta a invadere l’etere dalle 21 con il nuovo programma danzereccio.

La motivazione di una simile scelta? Il fatto che la sentenza sia stata depositata soltanto questa mattina, mentre il programma sarebbe in fase di gestione da ben 4 mesi. Ecco cosa ha dichiarato la D’Urso durante il suo contenitore pomeridiano:

«La Rai e la signora Carlucci vogliono fermare Baila anche se, come vi ho spiegato tante volte, è molto diverso dall’altro programma che va in onda sulla Rai. Noi stiamo lavorando da tanto, tante persone da tanti mesi. L’unica nostra speranza è che 250 persone non restino a casa senza lavoro. Comunque noi ci rimettiamo alle decisioni del giudice. Ma al momento non è proprio nelle nostre intenzioni cambiare il programma».

L’urlo di vittoria di Mediaset, tuttavia, è smorzato dalle vincolanti imposizioni giudiziarie, che obbligheranno la Rete a modificare alcuni elementi cardine del format:

«Mediaset prende atto di un provvedimento spiccato senza “corpo del reato”, ovvero senza avere visto un solo minuto del nuovo programma che stasera sarà in onda su Canale 5. Mediaset impugnerà quindi d’urgenza la decisione chiedendone la revoca. Tuttavia la decisione di un giudice, pur se provvisoria e da noi non condivisa, va sempre rispettata in attesa del suo annullamento. Pertanto, anche se Mediaset resta convinta che il suo programma sia assolutamente unico e originale, Baila! osserverà scrupolosamente tutte le inibizioni elencate nel provvedimento del Tribunale Civile di Roma, confidando nella sua celere riforma».

Durissima la risposta dagli studi di Viale Mazzini, con i legali della Rai che hanno formalmente diffidato l’emittente del gruppo di {#Silvio Berlusconi} a mandare in onda il programma. Ma, a quanto pare, nemmeno questo atto funzionerà da deterrente: lo show inizierà fra pochi minuti su Canale 5.

Fonte: Ansa, Davide Maggio.