Ballando con le stelle” si prende una pausa. È quello che emerge da una decisione presa dalla Rai, non dalla conduttrice Milly Carlucci. Non si tratta di una cancellazione, ma semplicemente di uno stop per riprendere letteralmente fiato, dopo un’edizione che non è stata con i fuochi d’artificio, anche per via di una concorrenza di Mediaset con Italia’s got talent, che ha fatto incetta di ascolti.

Ma Milly Carlucci non ci sta: dopo la querelle poi finita in tribunale per via di “Baila”, teme per questa decisione della Rai: ha paura che “Ballando con le stelle” perda il suo segmento di ascolti in favore di un’altra trasmissione che se lo accaparri. Quello che teme è che questa pausa segni la fine definitiva del talent show.

Galleria di immagini: Ballando con le Stelle

In un’intervista al Corriere della Sera Milly Carlucci ha detto:

«Oggi, con tutte le voci che strillano, non puoi permetterti di stare fuori due anni. La cadenza annuale è quella giusta. Se aspetti di più, gli altri poi si infilano nella tua fetta di mercato, ci hanno già provato. Non voglio credere che Rai voglia rinunciare a Ballando. Il successo non è un opinione. Abbiamo mantenuto lo stesso numero di telespettatori dello scorso anno. Nell’era digitale tutte le prime serate sono scese al di sotto del 20% di share, noi no. Quanto allo scontro con Italia’s, visto che era un prodotto nuovo la curiosità è andata lì. Ma noi abbiamo un pubblico fedele. Ballando è un programma che con il televoto fa di gran lunga più incassi, abbiamo venduto pubblicità e telepromozioni a scatola chiusa, dimostrando che siamo un prodotto in salute.»

Sulla novità di Italia’s got talent ci sarebbe da dire: la trasmissione non è certo alla sua prima edizione e il talento televisivo di Maria De Filippi è innegabile. Nel 2013 Ballando con le stelle dovrebbe dunque riposare, una scelta che accomuna anche altri programmi di lunga e comprovata esperienza, come il Grande Fratello, che invece dovrebbe riposare solo nel primo segmento della prossima stagione televisiva.

Fonte: TVblog.