Il ballo allontana lo stress, gli stati ansiosi e la depressione. Questa è la conclusione a cui è giunta la dottoressa Anna Duberg assieme al suo team, presso l’Örebro University Hospital, in Svezia.

Che il ballo renda felici è una sensazione che si può provare sulla pelle; ma che possa essere utilizzato come cura contro stress e depressione è una notizia decisamente nuova, avvalorata dall’esperimento della Duberg.

=> LEGGI come dimagrire con il ballo

Lo studio dell’Örebro University Hospital ha coinvolto 122 ragazze, di età compresa fra i tredici e i diciannove anni. Tutte accusavano stress, depressione, ansia e dolori a testa, spalle e collo. Le ragazze sono state divise in due gruppi, uno da cinquantanove persone, l’altro da cinquantatré.

Il primo gruppo, quello da cinquantanove, ha seguito lezioni di ballo con cadenza bisettimanale; l’altro gruppo, invece, ha continuato a svolgere la vita di sempre. Ebbene, le ragazze che hanno seguito lezioni di danza hanno quasi da subito manifestato evidenti miglioramenti e gli effetti positivi del ballo si sono protratti dai quattro agli otto mesi dopo la cessazione dell’attività fisica.

Danzare, quindi, è un’esperienza positiva, non solo perché suscita in maniera quasi istintiva il riso e il divertimento, ma anche perché permette a livello chimico di alleggerire la tensione nervosa e la depressione in cui facilmente si cade ogni giorno. Del resto, è già noto che l’attività fisica in sé e per sé migliora l’autostima e la situazione psicologica. Protagoniste sono le endorfine, sostanze chimiche che donano piacere e gratificazione e che aiutano a combattere lo stress.

La danza, evidentemente, è un’ulteriore spinta al benessere psicofisico che l’attività fisica già dona. Sarà anche per questo motivo che la zumba, un mix di danza e fitness, ha così grande successo?

Fonte: La Stampa