I tacchi troppo alti non fanno bene alla salute. Un fatto sicuramente prevedibile, visto che il piede deve stare altamente in tensione per mantenerci in equilibrio. Ciò che maggiormente sconsigliato, tuttavia, è ballare con questo tipo di scarpe: farlo può portare a gravi conseguenze, quali dolori e danni alla pianta e alle dita.

Fino a oggi pochissimi studi avevano esaminato la correlazione che esiste tra le calzature e la danza, ma una nuova ricerca condotta dalla John Moores University di Liverpool (Gran Bretagna) ha cercato di approfondire la questione e dare un quadro più chiaro della situazione.

Dopo vari esperimenti conseguiti su alcuni ballerini professionisti e con scarpe col tacco ad altezza progressiva (dai 5,8 centimetri ai 12 centimetri), è emerso che più il tacco è alto e più aumenta la forza d’urto nella parte anteriore del piede invece che nella parte posteriore, com’è di norma. Dunque utilizzarli spesso può portare a una svariata quantità di problemi.

Tale risultato in verità non stupisce così tanto, visto che è un dato assoldato che più alto è il tacco e più le dita sono sotto pressione. Comunque è bene evitare di indossare scarpe troppo alte per andare a ballare o per tutta la giornata: il consiglio degli esperti è quello di alternare il più possibile il tacco a calzature comode ed effettuare veri e propri esercizi di stretching per mantenere la mobilità delle dita.