Balmain collabora con Aurelie Bidermann per la realizzazione di una borsa capiente, raffinata ed elegante, che prende il nome di Pierre. Il colosso della moda francese incontra la designer di gioielli più in voga della Francia e insieme uniscono le forze per dar vita ad un accessorio indispensabile nella vita quotidiana di una donna: la bag di Bidermann realizzata per la maison sembra abbandonare la tendenza ai design troppo ricercati e tornare, invece, sui passi di un oggetto grande, in cui poter mettere tutto ciò di cui si ha bisogno.

Niente più borse dalle forme stravaganti, trapezoidali, esageratamente squadrate o poco portabili. {#Balmain} e {#Aurelie Bidermann} preferiscono una borsa morbida, ampia e di forma rettangolare, all’interno della quale possono entrare libri, agendine e grandi portafogli. In pelle scamosciata e disponibile in rosso e grigio scuro, la borsa ha sia il manico che la tracolla, segno di come le due maison vogliano un accessorio comodo da portare.

In altre parole, un oggetto griffatissimo ma che rimane semplice e adatto a tutte le occasioni, soprattutto quelle diurne. La borsa si abbina ad una moda casual, quella di una donna che gira tutto il giorno per la metropoli inseguendo i suoi impegni lavorativi e che può essere elegante e fashion pur senza esagerare.

Pierre è impreziosita da alcuni dettagli in oro, la cerniera e un piccolo ciondolo in avorio, segno inequivocabile della creatività di Aurelie Bidermann. La borsa è totalmente fatta a mano ed è Made in France. Sarà in vendita esclusivamente presso tre punti in tutto il mondo: da Barneys a New York, nella boutique Balmain di Parigi e da Harrods a Londra.

Fonte: Grazia