La convivenza serena tra bambini e animali non è sempre così scontata come si potrebbe pensare. Per un bimbo vivere con un animale domestico in casa, sia esso un cane o un gatto, è spesso positivo, ma non è detto che si verifichi anche l’opposto.

Non è raro che l’arrivo di un bebè finisca per infastidire quello che prima era considerato il re della casa. Un figlio cambia le priorità, e di conseguenza tutte le dimostrazioni d’affetto saranno dedicate improvvisamente al nuovo arrivato. Venire spodestato dal podio può scatenare nel nostro animale domestico qualche attacco di gelosia.

Di solito i primi problemi tendono a manifestarsi quando i bambino comincia a piangere, a gattonare o a camminare. L’importante è non arrivare impreparati se e quando tutto ciò dovesse succedere. È indispensabile cercare di abituare l’animale alla nuova presenza, ad esempio mettendo vicino alla sua cuccia un indumento del bebè. Si sa che i nostri amici a quattro zampe si affidano molto al loro fiuto e permetterli di riconoscere l’odore del piccolo li aiuterà ad abituarsi a lui.

Il momento più difficile è il ritorno a casa con il neonato in braccio. Meglio che a tenerlo sia il papà in modo che il cucciolo possa fare le feste alla neo-mamma senza problemi. Cercate, inoltre, per quanto è possibile di non metterlo troppo da parte e non sgridarlo eccessivamente, perché questo atteggiamento avrebbe come risultato un aumento del risentimento nei confronti del bambino.

Ancora più complesso il rapporto con i gatti, che si sa sono creature molto più indipendenti dei cani. È necessario assicurare al felino un angolino tutto suo dove potrà sentirsi al riparo dalle eventuali azioni di disturbo del bebè. Attenzione, infine, a evitare che il gatto entri nella stanza del piccolo, infatti potrebbe saltare nella culla. Meglio tenere la porta chiusa e comunque insegnarli che quella è una zona off-limits.

Ovviamente è bene tenere sempre a mente le regole igieniche da seguire quando si instaura una convivenza con un animale, a prescindere dalla presenza o meno di un bimbo. Insegnate al bambino a non toccare mai la ciotola del suo amichetto a quattro zampe e, soprattutto a non innervosirlo toccandolo mentre riposa o mangia. Date al cane un vermifugo ogni 6 mesi, per evitare che sviluppi i vermi, molto pericolosi per la salute vostra e del vostro bambino. Infine, fate in modo che il vostro gatto abbia sempre le unghie corte. Anche gli innocui graffietti possono portare brutte infezioni.

Al di là di qualche possibile intoppo comunque non c’è nulla di cui impensierirsi. I {#bambini} si divertono molto quando in casa c’è un cucciolo. Badare a lui li aiuta a capire cosa sia la responsabilità e a imparare a preoccuparsi per gli altri, rispettandoli. Inoltre il rapporto tra bambini e animali è terapeutico per tutti coloro che hanno problemi di apprendimento, perché viene stimolata molto l’attenzione.