Che sia in auto o in volo, la pazienza dei bambini che viaggiano dura molto poco, con conseguenti urla e sfoghi di grandi e piccini. Se poi le ore da passare a bordo di un aereo sono tante, il malcontento dei passeggeri per il baccano provocato dai piccoli è quasi scontato.

E se solo pochi mesi fa ha fatto molto scalpore la notizia relativa alla proposta di Ryanair di effettuare voli vietati ai bimbi, attualmente sembra che la tolleranza dei viaggiatori nei confronti delle famiglie con figli under dieci o quindici anni al seguito sia in leggero aumento.

Da un recente sondaggio di Skyscanner.it, sito dedicato alla ricerca di viaggi e alla comparazione di tariffe di volo, infatti, risulta che la presenza di bimbi a bordo sia in effetti abbastanza tollerata, ma certamente vi sono non poche restrizioni ed eccezioni che, al contrario, mostrano la netta tendenza dei vacanzieri di preferire un volo rilassato e all’insegna del silenzio.

Se lo scorso anno un buon 20 per cento degli intervistati ha ammesso di prediligere viaggi in aereo senza bambini a bordo, quest’anno la percentuale di viaggiatori poco amanti dei piccoli è scesa fino al 12 per cento, mentre il 54 per cento auspicherebbe una classe di volo per sole famiglie, contro il 60 per cento del sondaggio passato.

Una maggiore tolleranza che, tuttavia, si scontra con l’elevato numero di persone favorevoli all’iniziativa portata avanti dalla Malaysian Airlines, che poche settimane fa ha vietato ai bimbi l’accesso alla prima classe. Il 66 per cento degli intervistati da Skyscanner.it, infatti, ha approvato questo divieto nonostante il parere contrario di tanti genitori.

Ecco come ha commentato questo risultato Mary Porter, mamma e PR Manager di Skyscanner.

“Non credo che sia una soluzione pratica per le compagnie aeree quella di offrire aree senza bimbi, come ha proposto la Malaysian Airlines, limitando la prima classe agli adulti. Anzi, le compagnie aeree dovrebbero fare tutto il possibile per sostenere i genitori a volare con tutta la {#famiglia}, cosa che garantirà un’esperienza di volo più piacevole sia per la famiglia stessa che per i passeggeri seduti attorno a loro”.