Come garantire la salute dei bambini e prevenire il rischio ricadute dopo un’influenza? Ecco i consigli dei pediatri dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. Il primo suggerimento è quello di non avere fretta, quando il bimbo ha sofferto di influenza è bene mantenerlo a riposo almeno 2 giorni dopo la scomparsa dei sintomi, garantire un sonno prolungato e incrementare il consumo di frutta e verdura.

=>LEGGI anche: influenza nei bambini, mamme informate sui rischi

Una buona convalescenza è la migliore terapia per preservare i bambini dal rischio ricadute. In questo periodo in cui si è raggiunto il picco influenzale è bene prendersi ancora più cura dei piccoli convalescenti anche perché l’influenza si presenta con sintomi molto fastidiosi: febbre sopra 38°C per 3-5 giorni, inappetenza, dolori a muscoli e ossa, sintomi gastrointestinali (vomito, diarrea) e all’apparato respiratorio (rinite, tosse).

Quando l’organismo è stato colpito dal virus diventa vulnerabile ed è più facilmente sottoposto all’attacco dei germi con la possibilità che l’influenza si ripresenti in una forma ancora più forte della prima volta. Tenere a casa i bambini è la prima terapia.

=>LEGGI anche: influenza nei bambini, la prevenzione parte dalle mani

Le normali attività potranno essere riprese dopo circa 4-5 giorni di convalescenza. Per aumentare le difese immunitarie dei piccoli potranno essere utilizzati degli integratori multivitaminici abbinati ad una corretta alimentazione ricca di frutta e verdura.

I pediatri inoltre consigliano di approfittare del periodo trascorso a casa per lasciar dormire più a lungo i bambini e dedicare il tempo necessario ai 4 pasti giornalieri. Qualora la giornata non fosse particolarmente fredda si può anche uscire per una breve passeggiata all’aria aperta per ossigenare l’organismo seppur dando sempre la giusta attenzione all’abbigliamento ed evitare di far sudare i piccoli.

=>LEGGI anche: bambini, dai pediatri il decalogo della salute

Occorre tenere presente inoltre che tanto più piccoli di età sono i bambini tanto più minuziose devono essere le cure e le attenzioni, mentre per i ragazzi in età preadolescenziale dopo qualche giorno è possibile far riprendere anche l’attività sportiva.

In conclusione le regole da seguire per evitare il rischio ricaduta influenza sono molto semplici e di comune buon senso: non avere fretta di uscire, prolungare le ore di sonno mattutino, dedicare il giusto spazio ai pasti e aumentare il consumo di vitamina c attraverso l’assunzione di frutta e verdura e ove necessario anche con l’aiuto di integratori.

Fonte: Corriere