Quello che state per vedere potrebbe sembrarvi inizialmente uno dei tanti filmati di animali che la rete colleziona ogni giorno, ma se lo guarderete più attentamente vi renderete conto della straordinaria carica emotiva che queste immagini sanno trasmettere. Un bambino malato, affetto dalla Sindrome di Williams, entra in contatto per la prima volta con un cavallo e dal loro incontro nasce qualcosa di estremamente e incredibilmente spettacolare. Ecco le immagini.

Regista della scena è stato il padre del piccolo che ha pubblicato il video in rete commentandolo come il ricordo più emozionante che abbia mai documentato. La comunicazione non verbale che si instaura tra il cavallo e il bambino ha un che di utopico, come se fossero riusciti a ricreare una sintonia tale da apparire quasi impossibile. Il protagonista di questo meraviglioso momento di tenerezza è affetto dalla Sindrome di Williams, una malattia caratterizzata da disturbi dello sviluppo, associati a cardiopatie, ritardo psicomotorio e dismorfismi facciali caratteristici.

Siamo di fronte all’ennesima dimostrazione di quanto la pet therapy possa rivelarsi utile per il miglioramento comportamentale, fisico, cognitivo, psicosociale e psicologico-emotivo di piccoli pazienti come quello che avete appena visto. La pet therapy non è una terapia a sé stante ma una forma di affiancamento a una terapia tradizionale già in corso che ha lo scopo di facilitare l’approccio medico e terapeutico delle varie figure mediche e riabilitative. In molti casi la presenza di un animale permette di consolidare un rapporto emotivo con il paziente: questo è ciò che il cavallo nel video è riuscito a fare, facendo sentire a suo agio il bambino che, tra un abbraccio e l’altro, era in costante ricerca di contatto con l’animale che riusciva a trasmettergli con la sua semplice presenza una sensazione di tranquillità e sicurezza che al di fuori di quel recinto sarebbe difficile riproporre.

Photo credit: screenshot video