Questa sera Barbara D’Urso torna in carreggiata con “Stasera che sera!”, il nuovo programma di Canale 5 condotto dalla presentatrice partenopea. Reduce da programmi di successo come “Pomeriggio Cinque”, “Domenica Cinque” e diverse edizione del reality show “Grande Fratello”, la D’Urso ha deciso di accettare la sfida.

Dopo aver contribuito a rendere famosi i suoi programmi, Barbara D’Urso era alla ricerca di novità nel palinsesto Mediaset e ha trovato in “Stasera che sera!” una buona alternativa nei programmi di varietà diffusi sulle altre emittenti:

Ci saranno varietà e spettacolo. Ma anche apertura alla cronaca. Musica, ballo, intrattenimento, informazione e approfondimento. Avrò sia interviste-show con ospiti speciali sia storie di gente comune. A “Domenica Cinque” ho dato un’impronta, ho portato il pomeriggio di Canale 5 ad ascolti mai visti, a cinque milioni di telespettatori. Ora lascio tanto cuore a chi viene dopo di me e… cerco di raggranellare qualche spettatore in più la sera. E visto che sarò fuori dalla fascia protetta, mi permetterò di trattare anche argomenti più forti.

La D’Urso ha ricevuto molte critiche dai telespettatori per aver fatto leva su questioni molto delicate la domenica pomeriggio, come ad esempio il caso di Avetrana. Sta di fatto che, però, Domenica Cinque non è mai stato un semplice “riempitivo” ed è riuscito a tenere testa a “L’Arena” di Massimo Giletti.

In trasmissione questa sera ci sarà un corpo di ballo e la conduttrice ha dichiarato di non aver voluto una presenza maschile come “valletto”. La D’Urso si è anche preoccupata della concorrenza, davvero agguerrita di domenica sera:

Porto con me la soubrette Nora Mogalle con un corpo di ballo e una band molto ampi, e la mia piccola squadra di lavoro. Per Mediaset io sono quella da “minima spesa, massima resa”. E quella che accetta le missioni impossibili: tipo questa. La domenica sera andiamo contro le fiction di Rai Uno, roba da 25-27% di share, poi ci sono le partite, Fazio e Littizzetto su Rai Tre: è garantito che mi bastoneranno, se faccio il 16% di share è un successo.