Due ore di blocco nel tardo pomeriggio della giornata di ieri nell’aeroporto di Linate, dopo che un uomo è riuscito a evitare i controlli di sicurezza.

Un uomo sulla trentina, senza particolari tratti distintivi tranne una maglietta molto colorata e un trolley al seguito, si è infilato sotto uno dei metal detector spenti e ha poi proseguito verso gli imbarchi.

Galleria di immagini: Linate, chiusura scalo

Scattato l’allarme alle 7.38, sono stati immediatamente bloccati tutti i voli in arrivo e partenza nello scalo milanese per più di due ore ed è subito partita la caccia all’uomo che, con ogni probabilità, non si è nemmeno reso conto di aver causato un tale trambusto. Lasciati all’oscuro di tutto le migliaia di passeggeri bloccati dentro l’aeroporto, ma in questi casi è la prassi ha spiegato un ispettore della Polaria, almeno fino a quando non si sa con certezza cosa sia successo.

«Ciò non toglie, però, che quel tizio potesse essere semplicemente un ritardatario che, senza accorgersene e scoraggiato dalla fila di gente che ha notato davanti agli altri metal detector, si è infilato sotto l’unico dove non c’era caos»

I poliziotti non hanno mai smesso di cercare l’uomo “misterioso” che però non è stato rintracciato, probabilmente partito su uno dei voli decollati appena prima del blocco aereo.

Fonte: Il Giornale