Noi donne facciamo veramente di tutto per migliorare il nostro aspetto, ma esistono dei casi estremi in cui vengono sperimentati trattamenti ai limiti dell’assurdo, che a volte richiedono più soldi che buon senso. Numerosi esempi arrivano proprio dalle celebrità che farebbero davvero qualsiasi cosa per la propria immagine, come farsi mangiare dalle sanguisughe, spalmarsi in faccia placenta umana o escrementi di uccello, farsi congelare vive: ecco alcuni dei rituali di bellezza più insoliti che possiamo trovare al mondo.

C’è chi si sottopone alla tortura delle sanguisughe: questi parassiti vengono posti a contatto con la pelle liscia e rasata per poi banchettare piacevolmente (almeno per loro) col sangue. Pare infatti che la loro saliva abbia proprietà anestetiche e anti-coagulatorie, capaci di espandere i vasi sanguigni; per questo il metodo era utilizzato fin dall’antichità nella medicina: è improbabile però che questo trattamento, in condizioni di salute ottimali, riesca a disintossicare il corpo più di quanto non faccia quotidianamente di norma il nostro fegato.

Oltre alle sanguisughe sono richiesti anche api e serpenti per il loro morso, solitamente temuto; secondo gli esperti in materia, il veleno introdotto funzionerebbe come un botox naturale sui segni del tempo: le tossine irriterebbero con leggere punture la pelle e relativi nervi cutanei che svilupperebbero sostanze chimiche in risposta, provocando un rafforzamento dei muscoli facciali. Prodotti veramente di lusso che però non riscuotono il successo (e i risultati) di un ritocchino dal chirurgo plastico.

Spalmarsi qualsiasi cosa sul viso pare sia una strada percorsa in tutte le direzioni: c’è chi arriva ad applicare maschere di placenta umana, raccolta dalle cliniche di maternità, per poi massaggiarla sul volto; la placenta è ricca di vitamine, proteine e minerali, è ottima per i danni causati dal sole e per le cicatrici, addirittura in alcune culture è tradizione mangiarla, ma in qualsiasi caso è richiesto uno stomaco di ferro e molta disponibilità finanziaria, come quella di Madonna che pare sia una grande fan di questo trattamento.

Ancor più estremo è il metodo ideato recentemente in Francia, il quale consiste nell’iniettare sotto la pelle dei cristalli di ceramica con la promessa di un efficace effetto lifting senza bisturi. I cristalli sarebbero gli stessi che solitamente vengono utilizzati per calmare l’acidità di stomaco e per alcuni interventi dal dentista, ma in questo caso sono un’introduzione sottocutanea di una sospensione in acido ialuronico, per stimolare la produzione di collagene.

Lo stesso stupore può darcelo sapere che dietro all’elegante appellativo di “Geisha facial”, appellativo che subito richiama alla mente colori e profumi d’oriente, si nasconde un trattamento a base di escrementi d’uccello, raccolti in Giappone e prodotti da un usignolo. Come le tracce del passaggio dei volatili rovinano la vernice delle nostre auto, così il guano conterrebbe degli enzimi in grado di rompere gli strati superiori dell’epidermide per un rinnovamento cutaneo profondo.

Anche se colpisce soprattutto l’assurdità di questi rimedi, a volte è dimostrata una loro utilità. La selegilina, per esempio, è un unguento maleodorante e dall’aspetto poco attraente, ricavato dal cervello dei bovini e usato per contrastare il morbo di Parkinson o la depressione, perché pare affine ai tessuti nervosi. Si tratta di un farmaco provato, talvolta utilizzato a fini estetici, ma capace ci causare effetti collaterali come sonnolenza, costipazione e nausea.

Per sentirsi meglio c’è chi invece si fa rinchiudere e congelare vivo: avvolti in pochi panni si viene chiusi in una camera del ghiaccio con temperature antartiche ,per un trattamento che risulterebbe utile per qualsiasi malattia. Mancando il sangue alle estremità, e quindi il calore, il corpo produrrebbe una quantità maggiore di serotonina, l’ormone della felicità, lo stesso prodotto dal nostro cervello quando assumiamo cioccolata. Forse, in situazioni come queste, l’unico rimedio utile sarebbe quello di vivere più sereni e approfittare delle temperature rigide con una bella tazza di cioccolata calda: l’effetto in questo caso è assicurato.

Fonte: DailyMail