Bellezza significa anche cambiamento e pulizia. Perché dunque non approfittare della primavera per controllare e pulire il fondotinta, il rossetto, il mascara, l’eyeliner, ma anche spugnette e pennelli?

L’arrivo della primavera è un momento buono per cambiare la propria palette di ombretti e rossetti, per rispondere a nuovi canoni di bellezza, per controllare le scadenze di fondotinta e mascara. Tutto ciò che dentro il beauty case appare vecchio o sin troppo usato deve essere gettato via e sostituito.

Il mascara, ad esempio, va cambiato molto spesso. Usarlo per più di tre mesi aumenterà la possibilità di provocare un’infezione agli occhi. Il mascara – e anche l’eyeliner liquido – dovrebbe essere cambiato ogni tre mesi, anche se poco utilizzato. Su questi tipi di prodotti, infatti, tendono a crearsi colonie di batteri che poi finiscono irrimediabilmente sugli occhi. Per cambiare, meglio scegliere una formula arricchita di collagene e che dia spessore alle ciglia.

La cipria può arrivare a durare anche fino a tre anni; tuttavia, se usata troppo spesso, è meglio cambiarla. Ci si accorgerà facilmente del momento in cui bisogna comprare una cipria nuova: il prodotto apparirà umido, non si applicherà uniformemente, ma tenderà a lasciare sulla pelle chiazze di colore. Visto che siamo in primavera, si può scegliere una tonalità color pesca brillante.

Tra i prodotti da cambiare molto spesso ci sono i primer, vale a dire i prodotti pre-trucco, le basi per il fondotinta o per l’ombretto. Sono prodotti molto importanti, perché correggono le imperfezioni della pelle e aiutano il trucco a durare più a lungo nell’arco della giornata. Tuttavia, non sono eterni e non possono essere usati per più di due anni. Anche il fondotinta ha la stessa durata dei primer: qualora si decida di cambiarlo, meglio optare per una formula con balsamo, che idrata, aiuta a ristabilire il tessuto della pelle e dà luminosità all’incarnato.

Gli ombretti hanno una durata di circa due anni, tuttavia i trend delle sfumature e dei colori variano ogni sei mesi: un motivo in più per cambiare la propria palette con continuità. Le matite hanno vita più lunga degli eyeliner liquidi, ma, come già detto, devono essere cambiate molto spesso per evitare la formazione e il contatto con i batteri.

Il rossetto dovrebbe essere cambiato frequentemente e il metodo per capirlo è molto semplice: sentirne l’odore. Se l’odore dovesse risultare strano o comunque diverso rispetto a quando il rossetto è stato aperto per la prima volta, allora bisogna buttarlo e comprarne uno nuovo. La stessa cosa vale per lo smalto, che non è affatto eterno. Oltre a percepire un odore diverso, ci si accorgerà che è il momento di cambiare lo smalto quando il prodotto diverrà troppo pastoso e granuloso, inutilizzabile per un’applicazione uniforme.

Infine, è indispensabile pulire i pennelli e cambiarli. Per pulire i pennelli e le spugnette, basta lavarli con un buon prodotto detergente: ma non per sempre. Anche pennelli e spugnette vanno cambiati con regolarità; il troppo uso favorisce la presenza di germi, mentre i frequenti lavaggi provocano una diminuzione della capacità di assorbimento del {#make-up}.

In ogni caso, è sempre bene controllare la data di scadenza dei prodotti. Si troverà la lettera M con un numero accanto: 12M, ad esempio, significa che il prodotto ha la durata di un anno.

Fonte: Dailymail