La bellezza è spesso frutto di alcune regole consolidate e non scritte che hanno influenzato sin troppo l’applicazione del make-up e la cura dei capelli. Tuttavia, è tempo di scardinare e confutare alcune di queste vecchie linee guida.

Le regole di bellezza, infatti, non sono universali, ma variano da individuo a individuo. Curare i capelli o usare un particolare make-up sono fattori che cambiano in base al colore della carnagione e degli occhi e alla forma del proprio viso. È prassi, per esempio, affermare che le donne dai capelli rossi non debbano portare rossetto rosso sulle labbra; in realtà, l’unico motivo per cui non portare il rossetto rosso è legato al colore dell’incarnato. Si possono accostare tante donne bionde e accorgersi che ognuna ha una carnagione diversa e che a ognuna si addice una diversa sfumatura di rossetto.

Molti esperti affermano che l’eyeliner non va applicato nella parte interna dell’occhio, poiché una simile azione ridurrebbe la dimensione dell’occhio stesso. Secondo questa idea, l’eyeliner andrebbe applicato solo fuori, per amplificare l’effetto dell’iride. Questa regola, tuttavia, è vera solo in alcuni casi, quando, cioè, l’occhio è molto piccolo: l’applicazione dell’eyeliner dipende infatti dalla forma dell’occhio; inoltre, in base al colore degli occhi, ci si può sbizzarrire con diverse sfumature: blu, verde e marrone possono sostituire il nero. In altre parole: va commisurato ai propri bisogni.

Non si possono sfumare troppo gli occhi con il mascara e l’ombretto se le labbra sono troppo cariche di rossetto. In realtà, anche questa regola non vale per tutti. In primo luogo, occhi e labbra non sono in competizione fra loro. Inoltre, evitare l’eccessivo carico di {#make-up} è una regola di base che vale per qualsiasi situazione: si può ottenere un effetto sfumato e caricare le labbra di rossetto, purché il make-up sia applicato molto bene e i colori in sintonia tra di loro.

Lo smalto di mani e piedi deve sempre essere lo stesso: anche in questo caso, ci troviamo di fronte a un mito da sfatare. In realtà si possono usare smalti di colore diverso su mani e piedi, ricordando, però, una piccolissima regola: sulle mani va applicato un colore che vada bene per qualsiasi situazione, specialmente per quelle lavorative; sui piedi, invece, ci si può sbizzarrire e pensare a uno smalto adatto alle feste.

Le doppie punte vanno tagliate solo dal parrucchiere: falso. È un lavoro che si può fare anche a casa, senza spendere nulla, purché si utilizzino le forbici adatte: per eliminare le doppie punte bisogna utilizzare, infatti, forbici molto sottili e affilate, poiché un altro tipo di lama o di punta potrebbe rovinare interamente i {#capelli}.

Infine, lo shampoo: credenza comune è che si debba sempre ripetere due volte l’applicazione del prodotto. In realtà, lavare troppo i capelli li rovinerà e non c’è alcun bisogno di ripetere troppe volte lo shampoo durante lo stesso lavaggio. Lo shampoo non va mai usato puro, è sempre meglio diluirlo con acqua. Inoltre, al posto dello shampoo può essere utilizzato un composto formato da acqua e aceto e poi risciacquare.