Benedetto XVI si dimetterà da papa il prossimo 28 febbraio. Si tratta di una situazione molto particolare per la Chiesa, una situazione tanto inedita che richiede molta calma e nessun errore possibile. Per sua volontà, il Papa si ritirerà in convento scegliendo così la vita contemplativa, probabilmente secondo i dettami di sant’Agostino.

=> Scopri le dimissioni di Benedetto XVI

Galleria di immagini: Papa Benedetto XVI

La nuova dimora di Benedetto XVI sarà un ex convento di clausura che è stato ristrutturato per volontà di Giovanni Paolo II nel 1992. Il luogo di contemplazione si trova nei Giardini Vaticani, un posto meraviglioso completamente immerso nel verde, in cui quello che sarà un giorno l’ex papa potrà trascorrere la sua vita di preghiera.

Tuttavia, il pontefice ha scelto di trascorrere un piccolo periodo a Castel Gandolfo prima di raggiungere la sua dimora terrena definitiva. Queste opzioni sono state ben accolte dal Vaticano, tanto che il consulente per la comunicazione Greg Burke ha spiegato:

«È molto significativo il fatto che sua santità vada a vivere in un monastero. Questa scelta ci suggerisce che svolgerà un ruolo defilato. E questo è importante, si eviterà di avere due papi allo stesso tempo che si influenzano a vicenda.»

=> Scopri il toto papa

Sembra quasi una situazione da cattività avignonese e la gestione non ne sarà semplice. Tuttavia, quello che il Papa desidera sembra stia venendo rispettato da tutti: dopo le battute su Internet della prima ora, la gente sembra più interessata a sapere quale sarà il destino della Chiesa e quindi chi sarà il nuovo pontefice.

Fonte: Euronews.