L’esordio alla regia di Ruben Fleischer è davvero una graditissima sorpresa, “Benvenuti a Zombieland” si ispira al divertente “L’alba dei morti dementi”, di Edgar Wright (2004). Il film in America ha incassato 80 milioni di dollari, mentre i costi della produzione ammontano a 23 milioni.

I due sceneggiatori Paul Wernick e Rhett Reese hanno studiato l’argomento zombie per ben cinque anni prima di iniziare la lavorazione. Mentre il regista Fleischer non pare proprio essere un esperto del genere, l’unico film che conosce in materia, infatti, è “28 giorni dopo”. Fra gli attori protagonisti c’è un grande ritorno di Woody Harrelson; finalmente in un ruolo da protagonista, che del film dice:

Mai stato un fan dell’horror, perché grande e grosso come sono ancora mi causa incubi notturni. Ma come potevo resistere a questa sceneggiatura?

Il film racconta di un mondo già invaso dagli zombie, i pochi sopravvissuti combattono per rimanere in vita. Columbus (Jesse Eisenberg) uno dei protagonisti, è un ragazzo che mette insieme un decalogo sulla sopravvivenza da rispettare comunque e sempre per restare in vita. E mentre cerca un posto più tranquillo dove trascorrere l’esistenza, incontrerà Tallhassee (Woody Harrelson), un vero e proprio sterminatore di zombie. I due decideranno di proseguire il viaggio insieme, ma gli incontri non finiranno lì, successivamente incontreranno una splendida fanciulla (Emma Stone) con sorellina che si unirà ala loro fuga. Il film arriverà nelle sale dall’11 giugno.