Blake Lively e Ryan Reynolds sono genitori di due bambine, James, che ha due anni, e Ines, di sei mesi. Durante il gioco “verità o bugia” a cui l’attrice ha partecipato insieme a Micheal Kors, Blake ha svelato alcuni particolari divertenti e imbarazzanti sul suo primo parto.

Secondo quando rivelato dalla bellissima Serena di Gossip Girl, il marito Ryan Reynolds ha scelto come musica da mettere in sala parto durante il travaglio della moglie la hit di Marvin Gaye del 1973 Let’s Get It On. Cosa c’è di strano? Get It On è un’espressione che significa “fare sesso”, diventata popolare nel lessico comune proprio grazie a questa canzone di Gaye. “Mio marito ha messo Let’s Get It On mentre ero in travaglio”, ha spiegato Blake Lively, “il mio dottore ha iniziato a ridere talmente tanto che ho pensato facesse cadere la nostra bambina”.

Anche Ryan Reynolds ha parlato della particolare scelta della canzone quando è stato ospite del Late Night with Seth Mayers. “Io ho messo Let’s Get It On di Marvin Gaye. A Blake sono usciti coltelli dagli occhi”, ha spiegato l’attore di Deadpool. “Brutta mossa, sì. Ma lei in quel momento era venale. Penso di averla colta proprio mentre aveva un contrazione”.

Durante la chiacchierata con Micheal Kors, Blake Lively ha anche rivelato che da piccola aveva una cotta per David Letterman e che ha dato il suo primo bacio a sedici anni proprio sul set. “Il mio primo bacio è stato in un film. Ero terrorizzata”. Inoltre, aveva un cane che si chiamava 405 perché lei e la sua famiglia lo aveva trovato, appunto, sulla strada 405.

L’attrice americana ha anche rivelato a Women’s Wear Daily che deve “tutto nel mondo della moda” a Micheal Kors. “Avevo appena iniziato Gossip Girl e nessuno se ne interessava ancora, e lui mi portò a un evento di Vogue”, durante il quale Blake Lively ebbe l’opportunità di conoscere la direttrice Anne Wintour. Da allora, Blake è apparsa sulla copertina della prestigiosa rivista di moda per tre volte. “Anna è diventata una grande amica e una mia sostenitrice. Quindi ogni volta che Michael tiene una sfilata e sono in città, io sono presente… non sarei qui se non fosse per lui”.