Blake Lively è stata molestata sessualmente da un make-up artist durante le riprese di un film: l’attrice americana, madre di due bambini e moglie di Ryan Reynolds, ha rivelato che un truccatore si è comportato in maniera inopportuna nei suoi confronti. “Diceva cose fuori luogo, insistendo a mettermi il rossetto con il dito. Mentre dormivo, poi, durante la notte mi ha cambiato posizione. Ero vestita, ma ha fatto una cosa voyeuristica e terrificante“, ha raccontato la Lively al “Los Angeles Times”.

A quanto pare i produttori, informati del atteggiamento disdicevole hanno rimosso il collaboratore dal progetto ma non hanno proceduto ulteriormente contro di lui. L’attrice si aggiunge così alla lunga schiera di donne che in questo periodo a Hollywood stanno denunciando comportamenti violenti o sessisti da parte di un uomo, dopo che il produttore della Miramax, Harvey Weinstein è stato accusato di violenze sessuali su almeno trenta attrici tra le quali Cara Delevigne, Gwyneth PaltrowAsia Argento e Angelina Jolie.

La star di Gossip Girl, che ha lavorato in passato con Weinstein, ha smentito, invece, di essere stata molestata dal mogul di Hollywood, ma si è detta solidale con le sue colleghe. “Non ho subito niente del genere da Harvey e non ne ho mai saputo niente prima di adesso. Ma è stato devastante venirne a conoscenza adesso”, ha spiegato l’attrice a “The Hollywood Reporter“.

Lively e Weinstein hanno partecipato insieme, nel novembre del 2013, ad un workshop per gli studenti delle scuole superiori sulle carriere nel settore cinematografico, organizzato da Michelle Obama alla Casa Bianca. Con loro erano anche David Frankel e Ryan Coogler, Gayle Re, Whoopi Goldberg, Naomie Harris e produttore Bruce Cohen.

Galleria di immagini: Ryan Reynolds e Blake Lively sulla Hollywood Walk of Fame con le figlie: foto

Anche se la Lively afferma di non essere mai stata molestata da Weinstein, ha colto l’occasione, durante l’intervista, per parlare per le donne. “La cosa più importante ora è che le donne parlino di quanto è accaduto loro, le persone devono ascoltarle e fidarsi di loro e la gente deve cominciare a prenderle sul serio“, ha detto.