Comode, capienti, bellissime: le borse Chanel della collezione prêt-à-porter primavera estate 2016 sono i nuovi oggetti del desiderio non solo della donna globetrotter immaginata da Karl Lagerfeld, ma di gran parte delle fashion addicted. Al di là della passione per i viaggi, queste moderne giramondo poco hanno a che vedere con i pionieri dei primi del Novecento, abituati a passeggiate transcontinentali con mezzi di fortuna, spesso improvvisati.

Avvezze al lusso più sfrenato, partono da aeroporti affollatissimi su compagine aeree dedicate (come la Chanel Airlines che abbiamo imparato a conoscere durante la sfilata parigina) con valigie e borse che reinterpretano con audacia i modelli più celebri del marchio e i suoi codici. Dal tweed al matelassé, passando per catene e galloni, reinventati in pvc, sovrapposti, moltiplicati, ingranditi o miniaturizzati, delineano un nuovo look moderno e versatile.

Galleria di immagini: Le borse Chanel della collezione primavera estate 2016

Vediamo allora quali sono i modelli delle borse Chanel della collezione primavera estate 2016.

  • La 11.12 adotta dimensioni XXL trasformandosi in borsa da weekend. In tweed matelassé o ricamato con aerei di strass, Karl Lagerfeld la interpreta per il viaggio: la tasca piatta posteriore con zip lascia passare il manico telescopico dei trolley firmati Chanel.
  • Le Coco Cases sono il nuovo bagaglio a mano della Maison. In pelle matelassé effetto diamante, in tweed, alligatore o con i codici della Girl bag ispirata alla celebre jacket Chanel, queste valigie svelano un nuovo “look”: il double bagging, ovvero la semplicità di sovrapporre più valigie.
  • Completano la linea le borse weekend in tweed e le borse bowling in pelle matelassé grigie che con la loro idea di viaggiare comodamente, leggeri, avendo mani e braccia libere si sposano perfettamente con la filosofia di Gabrielle Chanel.
  • I vanity-case, dove riporre i prodotti di bellezza irrinunciabili a qualunque latitudine, si trasformano in piccole borse da giorno ultra-femminili.
  • Per la sera, il bagaglio a mano è reinterpretato in versione mini e una minaudière in resina nera e pelle matelassé troneggia su vere e proprie ruote.
  • Infine, la borsa “absolute”, piatta, strutturata e geometrica, è il connubio perfetto con la silhouette totalmente epurata del tailleur di tweed della nuova stagione. Karl Lagerfeld lo ha reinventato facendo scomparire tutti i codici della Maison: niente più tasche, bottoni o galloni.