Per molte donne, possedere una delle borse Fendi è un desiderio irrefrenabile. Sportive, eleganti, divertenti, preziose: i modelli e le varianti sono infinite. Sono trascorsi 90 anni dal 1925, anno in cui Edoardo Fendi e Adele Casagrande aprono a Roma un piccolo negozio che vendeva articoli di pelletteria e valigeria: allora come oggi, anche grazie all’apporto di Karl Lagerfeld che collabora con le Sorelle Fendi dagli anni Sessanta, i modelli di borse Fendi che si sono susseguite sono state delle it-bag, oggetti del desiderio di stagione in stagione. Ed è a Lagerfeld che si deve il celebre logo della maison, quelle “FF” che stanno a indicare Fun Fur, emblema conosciuto ormai in tutto il mondo.

Galleria di immagini: Borse Fendi: must have

Ecco allora una breve guida per principianti per imparare a districarsi nell’universo Fendi.

  • Peekaboo: già dal nome, questa borsa è tutto un elegante divertissement. Peekaboo, infatti, è il nome inglese del nostro Cucù, alludendo alle discrete trasparenze e aperture che ne lasciano intravedere l’interno. Nata nel 2009 è diventata subito sinonimo di raffinatezza ed eccellenza artigianale. Ne esistono in 4 dimensioni (grande, regular, mini e micro) e in diversi materiali, dal vitello fino al coccodrillo. Svariate anche le re-interpretazioni, a seconda delle collezioni della maison. Le versioni regular e grande vanno portate aperte.
  • Baguette: lanciata da Silvia Venturini Fendi nel 1997, è una delle borse più famose al mondo. Una forma semplice declinata in una miriade di colori, nei materiali e nelle decorazioni, un successo straordinario e senza tempo. In questi anni ha conosciuto più di mille versioni differenti e le è stato dedicato anche un libro (“Baguettemania”: 250 immagini della borsa, la storia, il dietro le quinte e le testimonianze di personaggi di spicco, come Sarah Jessica Parker, la scrittrice giapponese Banana Yoshimoto, la curatrice del Dipartimento di Architettura e Design del MoMA di New York Paola Antonelli, la collezionista Pearl Lam, lo scrittore Quirino Conti). Oltre alla dimensione classica, esiste una versione micro e la recente 3 Baguette, di due dimensioni (una lunga 21,5 cm e alta 7 cm e l’altra lunga 27 e alta 5 cm).
  • 2 Jours: shopper di grandi dimensioni, la 2 Jours esiste anche in versione petite (26×21 cm), da portare non solo a mano ma anche a tracolla. Anche in questo caso, è declinata in pelle di vitello, in nappa, in pitone, multicolor, con motivo Bag Bugs e con borchie.
  • 3 Jours: questa shopper conosce 2 dimensioni: regular e mini. Lo stile della 3 Jours è adatto a molte occasioni a partire dalle passeggiate per lo shopping in centro per finire con gli impegni professionali o il tempo libero.
  • Selleria: le borse Selleria sono cucite interamente a mano e vengono realizzate in pregiata pelle Cuoio Romano. Ogni singola borsa emana un fascino classico e minimale, esaltato dall’esclusiva lavorazione artigianale. La linea Selleria è costituita da sei modelli esclusivi che prendono il nome dalle donne della famiglia Fendi: Adele, la fondatrice della Maison, e le figlie Anna, Alda e Carla, a cui si aggiungono due rivisitazioni della Baguette e della Peekaboo. Tratto distintivo? Le cuciture tono su tono realizzate a mano sul morbido Cuoio Romano.