Esistono borse di ogni forma e grandezza, adatte alle esigenze più diverse e alle personalità più varie. Che abbiano la funzione di enormi contenitori, di accessorio all’ultima moda o, perché no, di entrambi, a borse, zaini e valigette pochissime persone rinuncerebbero.

Dal cellulare all’agenda, dall’ombrello al PC, avere con sé una borsa che possa salvare la situazione in più occasioni è un fattore rassicurante per le donne ma, con grande sorpresa, anche per gli uomini. Sono sempre di più, infatti, quelli che non escono senza un marsupio, un mini zaino o una borsa a tracolla.

Galleria di immagini: Borse e dolori muscolari

Che succede, però, quando a fine giornata ci si accorge di fastidiosi dolori muscolari o delle ossa? Niente influenza o movimenti sbagliati, il più delle volte la causa è il trasporto quotidiano dei pesi che, distribuiti in modo scorretto, gravano sulla stabilità e sull’equilibrio del nostro corpo. Il risultato sono artrosi, dolori cronici, infiammazioni dei nervi e artriti.

L’impatto che una borsa troppo pesante ha sullo scheletro, infatti, è notevole, soprattutto se si indossano anche i tacchi alti, e il corpo non può fare altro che adattarsi alla postura errata compensando lo squilibrio che si è venuto a creare.

La parte che ne risente per prima è il collo, che tende ad allontanarsi dal carico durante il trasporto per bilanciare il peso, facendo avvertire l’infiammazione solo quando ritorna in posizione di riposo.

Le spalle e la schiena, allo stesso modo, sono ruotate all’indietro e sollevate per tutto il tempo, e così i muscoli della parte alta della schiena, le scapole e la colonna vertebrale si stancano oltremodo. Le braccia vengono interessate nel momento in cui si trasporta una di quelle borse che, in mancanza di cinte abbastanza lunghe, vanno indossate sul braccio che, quindi, deve imparare a reggerne il peso. Il movimento delle braccia in questo caso sarà minimo, rigido e innaturale e porterà all’infiammazione dei nervi.

Fianchi e gambe non sono certo esclusi dalla sensazione di malessere generale, se si considera che più è grande il peso trasportato tanto più è forte la pressione esercitata sugli arti inferiori.

Quali sono, dunque, le regole per trasportare senza gravi conseguenze borse e zaini pesanti?

  • Distribuire il peso: si può scegliere di trasportare i proprio oggetti personali in uno zaino che distribuisca equamente il peso sulle spalle ma, in alternativa, li si può dividere in due borse. L’importante è cambiare posizione a intervalli regolari, dando ai muscoli di entrambi i lati il tempo di riposarsi. Evitare di spostare il peso su un solo braccio posizionato forzatamente a 90 gradi. Il peso, inoltre, dovrebbe essere il più vicino possibile al centro della massa corporea, che si trova intorno alla zona del bacino;
  • scegliere la borsa adatta: per non affaticare il corpo è bene utilizzare borse con le spalline larghe e con cinte molto corte, affinché aderiscano al corpo e non siano libere di muoversi sbattendo contro fianchi, schiena o ginocchia;
  • limitare il peso: le borse che si utilizzano in qualsiasi occasione devono essere il più leggere possibile e contenere solo gli oggetti strettamente necessari.